A cosa serve il 5G? Grazie alle iniziative di TIM, abbiamo iniziato a capirne di più

Abbiamo seguito il lancio del 5G di TIM in diverse città d’Italia. Ed effettivamente, tutto inizia ad essere più chiaro

Dopo essere stato il primo operatore ad attivare un’antenna 5G in Italia su onde millimetriche, a coprire in 5G l’intera Repubblica di San Marino e ad aver mostrato il funzionamento di un’auto completamente guidata da remoto, TIM ha lanciato il 5G a Roma, Torino e Napoli e, da oggi, anche Firenze. Entro quest’anno accenderà il 5G in altre 5 città, 30 destinazioni turistiche e 50 distretti industriali con velocità fino a 2 Gbps.

Entro il 2021 saranno 120 le città coperte, 200 le destinazioni turistiche, 245 i distretti industriali, con una velocità che aumenterà progressivamente fino a 10 Gbps.

Un’espansione inarrestabile, ma a cosa serve?

Le nuove idee hanno bisogno di infrastrutture

Per il settore turismo, l’intento è chiaro. La velocità 10 volte superiore al 4G ha già reso possibile visite realistiche da remoto. Oltre all’esperimento di Piazza Navona, il progetto turistico di Virtual Reality è già stato testato sulle chiese rupestri di Matera, il Museo Pietro Micca e il Parlamento Subalpino di Torino.

Anche l’industria vede finalmente nuove possibilità. Grazie alle applicazioni nel campo della robotica e dell’automazione industriale, con questa connessione mobile basterà un laptop o un tablet e si potranno gestire catene di produzione collocate in location differenti.

testo 1-2

Altra importante applicazione riguarda il cloud gaming, con la possibilità di giocare in streaming, anche in mobilità, in una modalità molto coinvolgente. È già possibile seguire un evento live di eSport, cambiando in real time il punto di vista sullo schermo grazie alla funzione multiview con flussi video contemporanei, ad esempio durante una partita di football.

Pensando ai Big Data, i miliardi di device e sensori applicati a cose e persone, con connessione ad altissime prestazioni, genereranno un numero sempre crescente di dati, accompagnando l’evoluzione della società digitale dei prossimi anni per applicazioni in ambito di mobilità urbana, public safety, monitoraggio ambientale, offerta turistica e sanità.

Ad esempio la Smart City Control Room di TIM, frutto dell’innovazione di TIM e del know-how di Olivetti, analizza i dati raccolti tramite sensori connessi alla rete mobile di TIM per la gestione intelligente del traffico, dei parcheggi, dell’illuminazione e della raccolta dei rifiuti.

Nel campo della sanità, invece, grazie alla piattaforma TIM Home Doctor e il visore OPTIP, il paziente potrà essere guidato nel «self monitoring & remote assistance» e avere una diagnosi «real time» rimanendo nella propria abitazione.

testo 2-2

Come in ogni rivoluzione tecnologica, i campi di applicazione sono in costante evoluzione. Ma per farsi trainare dall’onda del progresso, come minimo bisogna provare a cavalcarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Rompe il finestrino per rubare: nell'auto trova un vero tesoro

  • Concorsi, arriva la “raffica” di bandi: 2.600 nuove assunzioni 

Torna su
Today è in caricamento