Detrarre l'auto dalle tasse? Ecco i casi in cui è possibile

Non tutti lo sanno, ma esistono due casi specifici in cui si può  ottenere un'agevolazione fiscale dopo aver acquistato un veicolo nuovo

Foto di repertorio Ansa

E' possibile detrarre l'auto appena comprata dalle tasse da pagare? Una domanda che spesso ci siamo chiesti un po' tutti. La risposta è sì, ma soltanto in due casi specifici: se siete disabili o avete un familiare che lo è, oppure se avete acquistato l'auto per la vostra azienda o attività professionale.

La detrazione per i disabili

Partiamo dal primo caso. Il veicolo acquistato può essere portato in detrazione con la legge 104, poiché il disabile ha diritto a una detrazione Irpef pari al 19% del costo sostenuto, calcolato su una spesa massima di 18.075,99 euro. La detrazione però spetta soltanto una volta e per un solo veicolo nell'arco di tempo di quattro anni che decorre dalla data di acquisto della macchina. Se invece il veicolo è intestato al familiare disabile, questo deve essere fiscalmente a vostro carico per beneficiare della detrazione. 

Ecobonus 2018, detrazioni e cessioni: ecco tutte le novità

La detrazione per aziende e professionisti titolari di Partita Iva

Ma, come detto in precedenza, esiste un altro caso: le aziende e i professionisti titolari di Partita Iva possono detrarre dalle tasse i costi sostenuti per l'acquisto e il mantenimento dell'auto aziendale. I termini per la detraibilità dell'Iva e per la deducibilità degli ammortamenti e delle spese d'impiego dipende dalle caratteristiche del veicolo aziendale e dall'uso che se ne fa.

Bonus mutuo: così una rata la paga il Fisco

Cosa cambia in base alla tipologia di veicolo

Come prima cosa è importante sapere che le agevolazioni si hanno per i veicoli immatricolati come autocarri per uso aziendale. Nel dettaglio, se questi non sono affidati ai dipendenti e hanno un peso inferiore ai 35 quintali godono della detrazione del 40% dell'Iva, mentre il costo è ammortizzabile al 20%, così come le spese d'impiego. Inoltre, se il mezzo viene utilizzato esclusivamente per la propria attività professionale o d'impresa l'Iva si detrae al 100%. Il costo degli autocarri con peso uguale o superiore ai 35 quintali, invece, non si può dedurre, mentre l'Iva si detrae al 100%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come pagare meno tasse: le detrazioni per la dichiarazione dei redditi

Per le autovetture - o anche autocarri - di peso inferiore ai 35 quintali che dietro pagamento di corrispettivo vengono affidate ai dipendenti l'Iva si detrae al 100%, mentre il costo è ammortizzabile senza limiti al 70%. Discorso differente per gli agenti e i rappresentanti: per questi, infatti, l’Iva si detrae del 100%, mentre per quanto riguarda la deducibilità del corso questi deducono l’80% del massimale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento