Alitalia-Fs, un matrimonio che spaventa: “Rischio paralisi dei trasporti”

La denuncia di Federcontribuenti sul nuovo piano industriale che dovrebbe salvare la compagnia aerea: “L'idea del governo di incorporare la società Alitalia dentro le Ferrovie di Stato, rischia di paralizzare tutto il sistema trasporti a livello nazionale”

Foto di repertorio

Il destino di Alitalia è ancora tutto da scoprire, ma la strada più 'battuta' dal Governo per salvare la compagnia aerea porta ad un nuovo piano industriale che prevede il coinvolgimento di Ferrovie dello Stato, oltre ad altri partner internazionali e allo stesso ministero dell'Economia e delle Finanze che dovrebbe prendere una quota intorno al 14%. Un piano che sarà oggetto della trattativa con l'Unione europea, ma che potrebbe nascondere degli aspetti negativi da non sottovalutare, con effetti sull'intero sistema dei trasporti italiano. A lanciare l'allarme è Federcontribuenti, che pone l'accento sul 'viziaccio' di nazionalizzare i debiti: “Quest'anno Alitalia accumulato 450 milioni di euro di debiti, mentre le Fs hanno un utile fermo a 420 milioni di euro; questi numeri ci dicono che incorporare Alitalia nelle Fs porterà quest'ultima in debito e pensare di sprecare denaro pubblico per salvare una compagnia di bandiera incapace di competere con i competitor low cost, mentre le nostre ferrovie versano, in troppi tratti, in condizioni vergognose, è da folli”.

La paura palesata dall'associazione dei contribuenti è che la condizione in cui versa Alitalia possa andare a pesare su tutto il sistema, con il rischio di una paralisi: “Alitalia versa in una situazione drammatica, non solo per i debiti ma anche per l'incapacità di immaginare un futuro competitivo in tema di trasporti pubblici. Manca un piano olistico di rilancio e di sviluppo capace di competere con i partner stranieri e l'idea del governo di incorporare la società Alitalia dentro le Ferrovie di Stato, al 100% della Nazione, rischia di paralizzare tutto il sistema trasporti a livello nazionale”.

Alitalia, c'è l'ok all'offerta di Ferrovie dello Stato

Nessun vero imprenditore, rileva l'associazione dei consumatori e dei contribuenti italiani “azzarderebbe un simile acquisto. Il governo, dopo aver bocciato tutte le proposte estere, per rilevare Alitalia, attraverso i Commissari, ha accettato l'offerta presentata da Ferrovie dello Stato Italiane. Ricordiamo che si parla di investire denaro pubblico e ricordiamo che, Fs riceve contributi per la gestione della rete, per alcuni servizi a lunga percorrenza e per quelli regionali. Creare un unico gruppo con Alitalia farebbe confluire le perdite di Alitalia dentro il gruppo FS, che è sussidiato dallo Stato, senza alcun beneficio per i consumatori”.

Alitalia come tutto il sistema Paese non è stata capace di leggere il futuro, finendo in guai grossi. Dal 1 aprile del 1997 il mercato aereo europeo è stato completamente liberalizzato e se nel 1997 volavano in Italia 53 milioni di passeggeri nel 2017 sono saliti a 144 milioni, ma l'85% di questi 144 milioni ha volato con la formula low cost.

“Facciamo una esempio - illustra il presidente di Federcontribuenti Marco Paccagnella - se da Venezia devo andare a Napoli con una compagnia low cost spendo andata e ritorno meno di 100 euro, se volessi usare i nostri treni dovrei spendere il doppio. Ecco cosa ci rende fragili nel mondo, non sappiamo cavalcare le onde che altri ci sbattono contro. Le nostre Ferrovie dello Stato dovrebbero occuparsi di rendere le nostre linee ferroviarie sicure e con treni all'avanguardia. Ricordiamo anche che l'Italia è l'unica in Europa ad avere ben 8 linee da incubo: 3 al nord e 5 al sud. Che da Napoli in giù abbiamo un treno ogni ora e quelli regionali - conclude Paccagnella - sono i peggio in assoluto”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Ma che fallisca e anche rapidamente, ci mancherebbe l'aiuto di FS così tra qualche anno anche FS saranno in stato ifallimentare, basta basta basta e per quanto riguarda i dipendenti che speravano in un sempre vivo Babbo Natale, cari signori dipendenti, Babbo Natale come il Popolo Italiano si sono strarotti gli zebedei

  • Alitalia sta diventando un grosso problema,intano è costata alle tasche dei cittadini 10 miliardi negli ultimi lustri e solo per permettere a 10 mila priviegiati di ricevere stipendi da nababbi anche stando a casa.Non capisco questa pervicacia nel voler salvare ad ogni costo una azienda decotta,fuori dal tempo.Così come non capisco perchè FSI la voglia annettere trovando d'accordo il governo o parte di esso.FSI dovrebbe investire per migliorare la rete ferroviaria e rendere conveniente e comodo viaggiare in treno e trasportarvi le merci come impongono le nuove norme sull'inquinamento ambientale,riducendo il traffico su gomma.Siamo i numeri UNO a fare stupidaggini ma poi scopriamo che si fanno per favorire gli amici dei politici o fratelli o genitori.Tutto ha una ragion d'essere.

  • Spero vivamente che non si faccia questo osce-no matrimonio tra due carrozzoni di stato, e che si impedisca un'azione di chiara marca vetero-marxista leninista- stalinista tanto cara a quanti vegetano nell'impresa pubblica. Che Alitalia sia abbandonata al suo destino, abbiamo già sperperato troppi soldi noi italiani. E le FS in vendita ai privati, anche stranieri, così facciamo cassa.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Salario minimo, anche in Italia una retribuzione "proporzionata e sufficiente" per legge?

  • Attualità

    Anche il Veneto richiama i medici pensionati, l’allarme: “Preludio al default del Ssn”

  • Economia

    Crescita, il decreto col bonus per la casa che può diventare un "condonino"

  • Economia

    Bollette luce e gas, arriva una buona notizia (ma non per tutti)

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Belen rompe il silenzio: "E' stato Stefano a tornare: aveva sbagliato. Non sono riuscita a costruire un'altra famiglia"

  • Carlo Conti confessa: "Ho ripreso al volo mia moglie Francesca"

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 25 al 31 marzo 2019

  • Ballando con le stelle 2019, tutte le coppie (tranne Suor Cristina che balla da sola)

  • Estrazioni oggi Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di sabato 23 marzo

Torna su
Today è in caricamento