homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

Banche fallite, nel decreto del governo saltano i rimborsi

Il Consiglio dei ministri ha stralciato le norme sui criteri per i rimborsi dei quattro istituti bancari falliti a novembre: tutto sarà incluso in un nuovo decreto del ministero dell'Economia. Il governo ha varato la riforma delle banche di credito cooperativo e l'accelerazione del recupero dei crediti

Manifestazione contro le banche

Saltano i rimborsi per le banche fallite. Nel maxi-decreto legge sulle banche all’esame del Consiglio dei ministri, infatti, sono state stralciate le norme sui criteri per i rimborsi dei quattro istituti bancari falliti a novembre (Banca Etruria, Banca Marche, Cassa di risparmio di Chieti e Cassa di risparmio di Ferrara). I rimborsi andranno in un altro provvedimento, un decreto del ministero dell’Economia, che poi dovrà essere validato dal Consiglio di Stato. 

"Da domani - ha detto Renzi al termine del vertice - il sistema bancario sarà più solido dopo le scelte di questa sera". L’obiettivo, spiegano al ministero, è quello di velocizzarne il cammino, dal momento che per ragioni di tecnica parlamentare un provvedimento del Ministro prevede un passaggio in meno. Il decreto legge conterrà quindi tre blocchi: la riforma delle banche di credito cooperativo, la garanzia statale sulle sofferenze bancarie e l’accelerazione del recupero dei crediti.

La riforma delle Bcc, spiega Valentina Conte su la Repubblica, “potrebbe ricalcare lo schema di autoriforma proposto dalle stesse banche cooperative: una holding capogruppo, con un capitale da almeno un miliardo, a cui le banche dovranno aderire attraverso un patto di coesione. Anche se da alcune indiscrezioni interne a palazzo Chigi potrebbe cambiare l’impostazione: il governo starebbe ipotizzando anche la creazione di più di un gruppo cooperativo. Non più quindi una holding unica ma un testo che consenta la formazione di diversi gruppi su base territoriale”. 
 

Guarda anche

Renzi a Milano, corteo dei centri sociali: cariche contro i manifestanti

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Gli scontri sono avvenuti poco dopo le undici di martedì mattina in via San Vittore. Secondo quanto denunciato dai manifestanti, due persone sono rimaste ferite. Il racconto e le foto

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Migranti, il grande assalto di settembre: "Già 13mila profughi arrivati in quattro giorni"

    • Cronaca

      Papa Francesco si occuperà direttamente del tema migranti

    • Cronaca

      La terra trema ancora: due nuove scosse nel centro Italia

    • Cronaca

      Amatrice, le indagini sul terremoto: dubbi sull'adeguamento antisismico della scuola

    I più letti della settimana

    • Pensioni, l'idea di Boeri: "Aumentare le minime e ridurre il bonus della 14esima"

    • Dall'Ue maxi stangata di 13 miliardi alla Apple (che annuncia ricorso)

      Torna su
      Today è in caricamento