Bollo auto, ora spunta il maxi condono: l'emendamento della Lega che farà discutere

Pace Fiscale, la Lega prova il blitz in commissione Finanze al Senato. In un emendamento spunta la sanatoria sulle entrate, anche tributarie, dei comuni. Si aprirebbe la porta ad un maxi condono per Ici, Imu, Tasi e bollo auto

Estendere il condono fiscale anche alle imposte patrimoniali degli enti territoriali, come Ici, Imu e Tasi, e il bollo auto. La proposta è contenuta in uno degli emendamenti della Lega al decreto legge fiscale collegato alla manovra varato lo scorso mese, presentati in commissione Finanze al Senato. Il Parlamento è infatti impegnato nella conversione in legge del Decreto Fiscale che contiene l'ormai nota Pace Fiscale che come abbiamo più volte spiegato consente la definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento non ancora definiti al 24 ottobre 2018, data di entrata in vigore del decreto.

Ora la proposta di modifica, a prima firma Enrico Montani, introduce un articolo al provvedimento, che definisce le agevolazioni delle entrate degli enti locali. In particolare la sanatoria riguarderebbe ''le entrate, anche tributarie, dei comuni, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale'', notificati negli anni dal 2000 al 2017, dagli enti stessi e dai concessionari della riscossione.

Gli enti locali, si legge nell'emendamento, potranno stabilire, ''entro il termine fissato per la deliberazione del bilancio annuale di previsione, con le forme previste dalla legislazione vigente per l'adozione dei propri atti destinati a disciplinare le entrate stesse, l'esclusione delle sanzioni relative alle predette entrate''.

Multa raddoppiata per 'evasori' seriali di rc auto

Non solo condono, ma multe più pesanti per i furbetti. "Gli automobilisti che vengono beccati a viaggiare senza la copertura assicurativa per la seconda volta dovranno rinunciare al veicolo per 45 giorni e a guidare per 60 giorni". La proposta è contenuta in un altro emendamento della Lega al decreto legge fiscale, presentato in commissione Finanze al Senato, a prima firma di Enrico Montani.

La sanzioni attuale è fissata da un minimo di 840 euro a un massimo di 3.393 quindi, con l'introduzione della misura, passerebbe da un minimo di 1.680 euro a un massimo di 6.786 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • i governi prima facevano schifo è chiaro ma con questo siamo proprio alla frutta.... governo del cambiamento....si.... ma in peggio.... povera Italia

  • Non è certo una buona notizia per un governo che vuol dirsi del cambiamento

  • e vai! e anche con questo governo i furbi la passano liscia, pagano una cazzata e via, in barba alle tanto sbandierate promesse elettorali e a tutti quei coglioni che pagano sempre tutto fino all'ultimo cent... e io cretino ho anche votato m5s...

  • Il bollo è e resta una delle più grosse porcate della politica italiana pre Salvini/Dimaio!! Forza Lega Forza 5stelle, gli altri vadano a prendersela nel c...!

Notizie di oggi

  • Economia

    Il Comune che ti dà fino a 100 euro se non prendi l'auto

  • Economia

    La sugar tax diventa sovranista: "Nessun aumento se lo zucchero è italiano"

  • Politica

    Nasce la fronda 5stelle anti Salvini: così il decreto sicurezza spacca il Movimento

  • Politica

    Rifiuti, perché è sempre emergenza

I più letti della settimana

  • Va al tabacchi e gioca 2 euro: vincita "assurda" per il fortunato (ignoto)

  • Estrazioni di oggi di Lotto e SuperEnalotto: ecco i numeri vincenti

  • Ilary Blasi, shopping con la piccola Isabel senza trucco (né parrucca)

  • Pensioni, in arrivo un milione di buste arancioni: ecco cosa sono

  • "È in gravi condizioni": operato d'urgenza il noto cantante italiano

  • Gf Vip, Monte e Salemi al capolinea. Lui sbotta: "Faccia di cu*o, io con te metto un punto"

Torna su
Today è in caricamento