Aumenti in busta paga, il bonus di 80 euro resta (ma cambiano importo e platea): le novità

L'importo sale a cento euro, ma la formula resta quella del bonus. La platea è stata allargata anche ai redditi compresi tra 26.600 e 28mila euro. Oltre tale soglia il beneficio derivante dal taglio del cuneo fiscale sarà erogato sotto forma di detrazione. Ecco tutti gli importi

Busta paga bonus 80 euro. La busta paga di una dipendente comunale.ANSA/STRINGER

Via libera dal Consiglio dei ministri al decreto per il taglio del cuneo fiscale sulle buste paga dei lavoratori dipendenti. Rispetto alle ultime notizie circolate ci sono però delle novità. Il bonus di 80 euro non verrà infatti trasformato in detrazione fiscale: per i redditi fino a 28mila euro lordi il governo ha deciso di mantenere la formula del bonus "limitandosi" ad allargare la platea e ritoccare l'importo: 100 euro anziché 80. 

"Sarebbe stato assurdo cambiare metodo per 6 mesi. Poi dal 2021, con la riforma complessiva Irpef, il bonus verrà definitivamente sostituito" spiegano infatti in una nota i portavoci del M5s in Commissione Bilancio alla Camera. 

Bonus 80 euro, cosa cambia da luglio 2020

Secondo la legge attualmente in vigore, il "bonus Renzi" spetta in misura piena ai dipendenti nella fascia di reddito compresa tra gli 8.200 e i 24.600 euro. Chi guadagna fino a 26.600 euro ha invece diritto solo a una parte di bonus.

Con il nuovo decreto legge le cose cambiano. In sostanza:

  • A partire da luglio 2020 l’importo del bonus Irpef sarà di 100 euro invece che 80. 
  • Il bonus verrà erogato, in misura piena, a tutti i dipendenti nella fascia di reddito compresa tra 8.200 e 28.000 euro. 

Dopo i 28mila euro scatta la detrazione fiscale

"Per i redditi a partire da 28.000 euro, - si legge in una nota di Palazzo Chigi -  si introduce invece una detrazione fiscale equivalente che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro in corrispondenza di un reddito di 35.000 euro lordi. Oltre questa soglia, l’importo del beneficio continua a decrescere fino ad azzerarsi al raggiungimento dei 40.000 euro di reddito".

Bonus in busta paga: tutti gli importi per fasce di reddito

Ricapitolando

  • Da luglio 2020 i lavoratori che guadagnano da 8.200 a 28mila euro lordi avranno un bonus di 100 euro in busta paga. 
  • Chi ha un reddito compreso tra 8.200 e 24.600 euro, ed è dunque già percettore del bonus Renzi, vedrà salire di 20 euro l'importo del bonus (da 80 a 100).
  • Chi ha un reddito compreso tra 24.600 e 26.600, e godeva solo in misura ridotta del bonus Renzi, avrà diritto al bonus pieno (100 euro) anziché ad una parte di bonus.  
  • Chi percepisce un reddito da 26.600 euro a 28.000 euro, beneficerà per la prima volta del bonus e avrà un guadagno di 100 euro netti. 
  • Oltre i 28mila ci sarà una detrazione fiscale (pari a 100 euro) che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro in corrispondenza di un reddito di 35mila euro per poi azzerarsi a 40mila.  

Taglio del cuneo fiscale: chi avrà l'aumento di 100 euro in busta paga

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento