Bonus auto, 1.500 euro per la rottamazione: la platea si allarga

Cambia ancora il ''buono mobilità'' previsto dal decreto legge sul clima: dopo l'importo del bonus è stata modificata anche la platea delle auto con cui si potrà usufruire dell'agevolazione

Foto di repertorio

Dopo l'abbassamento dell'importo da 2mila a 1.500 euro, il bonus rottamazione auto previsto nel dl Clima cambia ancora. Secondo l'ultima bozza del decreto legge verrà ampliata la platea delle auto per cui sarà possibile, in caso di rottamazione, ottenere l'agevolazione: Oltre ai veicoli immatricolati come Euro 4, il beneficio è stato esteso anche agli Euro 3. 

Bonus rottamazione auto anche per gli Euro 3

Al fine di ridurre le emissioni climalteranti, si legge nell'articolo 5 della bozza del dl clima, coloro che rottamano "entro il 31 dicembre 2021 autovetture omologate fino alla classe Euro 3, ottengono, nel limite di spesa di 5 milioni di euro per il 2019 e 125 milioni per il 2020 e 2021 e fino ad esaurimento delle risorse un 'buono mobilità' pari a 1.500 euro per essere utilizzato, entro i successivi tre anni, per l'acquisto anche a favore di un convivente, di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e di altri servizi ad esso integrativi, nonché di biciclette anche a pedala assistita". Il 'buono mobilità', si legge ancora, "non costituisce reddito imponibile del beneficiaro e non rileva ai fini del computo del valore dell'indicatore della situazione economica equivalente".

Dl Clima, torna il taglio sui sussidi fossili

"I benefici fiscali dannosi per l'ambiente indicati nel Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi sono ridotti progressivamente al fine del raggiungimento degli obiettivi fissati dal programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell'aria".

"Alla relativa individuazione - si legge nell'articolo 13 - si provvede in sede di legge dil bilancio annuale e i relativi importi sono destinati, nella misura del 50%, a uno specifico fondo istituto presso il ministero dell'Economia e delle Finanze per il finanziamento di interventi in materia ambientale, con priorità alla implementazione dei sussidi ambientalmente favorevoli, al sostegno alla transizione ecologica delle imprese e dei consumatori, alla promozione di tecnologie e prodotti a basso contenuto di carbonio e di modelli di produzione e consumo sostenibili".

Clima, nella bozza una legge ad hoc

L'articolo 4 previsto nella nuova bozza del dl clima, "istituisce la legge per il clima". In particolare, si legge, che "a decorrere dall'anno successivo a quello di entrata in vigore del decreto legge, ogni due anni il governo presenta alle camere un disegno di legge per il miglioramento della qualità dell'aria, denominato 'Legge per il clima', come collegato alla legge di bilancio". Al disegno di legge, si legge nella bozza, "è allegata una relazione tecnica, che evidenzi lo stato di attuazione degli interventi previsti nelle precedenti leggi per l'attuazione del Piano nazionale integrato energia e clima nonché nel Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e la qualità dell'aria, indicando gli effetti che ne sono derivati per i cittadini, le imprese e la pubblica amministrazione".

Dl Clima, 35% delle risorse al Fondo per lo sviluppo e la coesione dell'ambiente

Al Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e al miglioramento della qualità dell'aria, "di durata quinquennale" e alla realizzazione di ulteriori misure per la tutela e la promozione ambientale, con delibera del Cipe, "sono destinate almeno il 35% delle risorse disponibili del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo di programmazione 2021-2027". E' quanto si legge nella bozza del dl, nella quale si sottolinea che il Cipe "promuove l'armonizzazione della programmazione economica nazionale con le misure previste dal Programma strategico nazionale". Nella relazione illustrativa al dl Clima all'articolo uno si prevede inoltre "l'istituzione di un Comitato interministeriale sui cambiamenti climatici e la qualità dell'aria in seno al Cipe, supportato da una specifica Piattaforma tecnico-scientifica".

Dl Clima, 6 milioni in per una campagna di informazione nelle scuole

 "Al fine di avviare campagne di informazione, formazione e sensibilizzazione sulle questioni ambientali ed in particolare sugli strumenti e le azioni di contrasto, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, nelle scuole di ogni ordine e grado, è istituito presso il ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare uno specifico fondo denominato 'Programma #iosonoAmbiente di 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di martedì 15 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento