Canone Rai 2019: chi ha un pc non deve pagare, ma attenzione alle date

Nessuno sconto in bolletta. Per chi non ha una tv si avvicina il momento di inviare la dichiarazione sostitutiva di non detenzione

Foto d'archivio

Prima le cattive notizie. Per quanto riguarda il canone Rai non ci sarà nessuno sconto in bolletta. La quota da pagare a partire da gennaio 2019 sarà dunque la stessa che i possessori di un televisore hanno pagato nel 2018: 90 euro. L’importo, com’è avvenuto negli anni scorsi, verrà spalmato in cinque rate di pari importo da gennaio a ottobre sulla bolletta della luce. Insomma, anche il prossimo anno la bolletta della luce sarà pesante a causa del balzello che serve a finanziare la tivù pubblica.

La misura verrà infatti confermata nella legge di bilancio e d’altra parte il governo gialloverde non ha mai fatto capire di voler intervenire sul balzello. Ma chi è tenuto a pagare il canone Rai?

Chi ha un computer deve pagare il canone

Nonostante se ne sia parlato molto c’è ancora molta confusione, anche a causa del fatto che in Italia le leggi vengono spesso scritte in un linguaggio fumoso. Una domanda ricorrente riguarda pc e tablet: chi ne possiede uno, ma non ha una tv in casa, è tenuto ugualmente a pagare l’imposta? La risposta è no: la legge stabilisce infatti che solo le "apparecchiature provviste di sintonizzatore per la ricezione del segnale (terrestre o satellitare) di radiodiffusione dall’antenna radiotelevisiva" sono tenute al pagamento dell'imposta.  Dunque in teoria è possibile guardare le trasmissioni Rai senza pagare il canone, ma senza avere la comodità della tv.

Ricordiamo  che nel 2016 il governo Renzi ha introdotto la cosiddetta 'presunzione di detenzione', dando per scontato fino a prova contraria che chi è titolare di un'utenza elettrica sia anche in possesso di un apparecchio televisivo. Chi non possiede una tv o non deve pagare il canone in quanto esente – ad esempio se è un anziano con più di 75 anni e un reddito uguale o inferiore agli 8mila euro - deve inviare la dichiarazione sostitutiva di non detenzione, che si trova sul sito dell’Agenzia delle Entrate. 

Qui il modello per fare domanda di esenzione

La dichiarazione di non detenzione di un apparecchio tv

La dichiarazione  in cui si certifica di non possedere nessun apperecchio in casa deve essere presentata:

  • dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo per l’esonero del pagamento per l’intero anno successivo (per esempio, una dichiarazione presentata nel novembre del 2018 avrà effetto per tutto il 2019)
  • dal 1° febbraio al 30 giugno per l’ esonero dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno (per esempio, una dichiarazione presentata a maggio 2019 avrà effetto per il secondo semestre del 2019).

In ogni caso chi non possiede una tv farebbe bene ad affrettarsi, onde evitare di pagare la rata di gennaio e dover chiedere successivamente il rimborso. 

canone rai ansa-2

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

I più letti della settimana

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 16 luglio 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di giovedì 18 luglio 2019

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

  • Esce a nuotare nel lago e scompare, dopo più di due giorni ricompare sano e salvo: dov'era stato

Torna su
Today è in caricamento