E' allarme olio di palma: "Italia letteralmente invasa"

Rabbia Coldiretti: "L'importazione è aumentata del 19%. Nel 2014 acquistati 1,7 miliardi di chili". L'accusa: "L'Unione europea decide di intervenire per far aumentare le importazioni di un prodotto di dubbia qualità"

"Aumentano del 19 per cento le importazioni di olio di palma in Italia per un quantitativo record che ha superato addirittura 1,7 miliardi di chili nel 2014, un primato negativo mai raggiunto prima". E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti che lancia l'allarme "sull'invasione di un prodotto sotto accusa dal punto di vista nutrizionale e ambientale, proprio nella patria dell'olio extravergine di oliva e della dieta mediterranea".

OLIO DI PALMA, QUALI RISCHI PER LA SALUTE

DOVE SI TROVA - Sottolinea la Coldiretti: "L'olio di palma per il basso costo e la scarsa informazione tende a sostituire grassi più pregiati praticamente ovunque ed anche in alimenti per bambini come biscotti, merendine, torte e addirittura nel latte per neonati, con quantitativi importati in Italia che sono aumentati di dieci volte negli ultimi 15 anni, ma che ora si possono riconoscere dall'etichetta". 

I RISCHI - "Alle preoccupazioni per l'impatto sulla salute a causa dell'elevato contenuto di acidi grassi saturi si aggiungono peraltro quelle dal punto di vista ambientale perché l'enorme sviluppo del mercato dell'olio di palma sta portando al disboscamento selvaggio di vaste foreste senza dimenticare l'inquinamento provocato dal trasporto a migliaia di chilometri di distanza dal luogo di produzione".

L'ACCUSA - La Coldiretti denuncia: "In altre parole l'Unione europea decide di intervenire per far aumentare le importazioni di un prodotto di dubbia qualità che peraltro fa concorrenza sleale al burro e all'olio extravergine di oliva europei sostituendoli nei dolci, nelle pizze, nella panetteria, industriale ed artigianale.