Evasione fiscale, al Nord è record: doppiato il Sud

Contro ogni pregiudizio territoriale arriva la denuncia del ministero dell'Economia, con il rapporto sull'evasione fiscale: il 98% delle imprese lo fa, ma al nord il doppio di più che al sud

L'evasione fiscale è una caratteristica delle imprese in Italia. Un dato inquietante che arriva direttamente dal rapporto stilato dal ministero dell'Economia e della finanza. Tutti nel nostro Paese non pagano le tasse, non importa quanto l'impresa sia grande: il 98,1% delle grandi aziende, il 98,5% delle medie e il 96,9% controllate non risultano in regola con il fisco.

Ma il dato che più stupisce va contro ogni pregiudizio territoriale: sarebbero le aziende del Sud la parte del Paese più in regola con la tassazione. Il 52% dei 91 miliardi di possibile evasione nel nostro Paese si attesta nell'Italia del nord. Al centro sono solo 24 i miliardi non pagati e appena 19,8 al Sud. Il dato è influenzato dal maggior reddito nazionale del Settentrione.

Dopo il rapporto shock il Mef ha subito reagito: "Mai più condoni. Dall'Unità d'Italia sono stati oltre 80 e minano la credibilità dello Stato, soprattutto nei confronti dei contribuenti onesti"

E' proprio a causa di chi non paga le tasse che nel nostro Paese i contributi allo Stato sono così elevati: tutto questo comporta "un aumento del livello della pressione fiscale per i contribuenti che adempiono correttamente ai propri doveri fiscali" e così "genera iniquità sociale, mina i principi di solidarietà e legalità sui quali si fonda il patto tra lo Stato e i cittadini" spiega il Mef. "Chi non dichiara quanto dovuto non soltanto ottiene per sé un vantaggio immediato, in termini di maggiori disponibilità finanziarie, ma trae vantaggio dall'onestà altrui".

Il governo ha già in atto due piani contro l'evasione del fisco che considera al "centro della sua azione": da un lato "una solida azione di contrasto agli illeciti, al fine di intervenire in chiave strutturale sul fenomeno, dall'altro un percorso di profondo miglioramento del rapporto tra fisco e contribuenti". Un'idea che sembra calzare a pennello sta in una maggiore attenzione del sistema penale  "con l'obiettivo di renderlo più incisivo per le fattispecie più gravi e attenuarlo invece per quelle meno gravi, meglio coordinandole con le sanzioni amministrative" come si spiega nel rapporto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Detta così sembrerebbe che al sud siano molto più onesti che al nord. Sicuramente la ragione è un'altra perchè tutto il mondo è paese, in questo caso l'Italia.

  • Dai commenti noto un sacco di "code di paglia", cosa che conferma le ipotesi...

  • Una volta tanto siamo secondi.

  • certo.. al Sud sono tutti brava gente... :-)

    • Risparmia certe ironie, i miei genitori hanno sempre pagato TUTTE le tasse e hanno sempre avuto un altissimo senso civico e dello Stato. Prima di fare ironia o, peggio, del sarcasmo, guardati dentro.

  • Per forza! Al Sud ci sono 10 imprese....al Nord 10.000, e gestite dalla mafia e dalla camorra....a Milano non c'è più un milanese. Quindi? PArliamo ancora di Nord e Sud, oppure di persone???

    • ecco, diciamolo al Salvini, che poi si spenderà per convincere la sua gente. Almeno chi ha scritto ha avuto l'onesta di precisare: "Il dato è influenzato dal maggior reddito nazionale del Settentrione" che è un dettaglio non trascurabile. Ma ovviamente i più, letto il titolo hanno capito tutto della situazione, per cui il resto lo tralasciano. Ovviamente qui da noi al sud le azende/imprese non sono così poche come dici tu rispetto al Nord, ma sicuramente il PIL è più basso. C'è però un dato incontrovertibile: l'evasione nel nord est è stata sempre molto forte, basta rileggersi i rapporti vecchi, anche di vent'anni fa. Un altro dato incontrovertibile è che non è possibile pagare 20k euro tra tasse e contributi (minimi) tasse su un reddito lordo di 45k. E' davvero esagerato. Scatta incodizionatamente la maledizione contro chi evade, anche solo 10 euro.

Notizie di oggi

  • Mondo

    Orrore in Messico, trucidato un altro sarcerdote: è il terzo in una settimana

  • Mondo

    Paura in Svezia, prima gli spari poi l'esplosione: quattro feriti a Malmo

  • Citta

    Volontario della Protezione civile muore in un incidente: tornava da Amatrice

  • Citta

    Paura per El Shaarawy: incidente sulla via Pontina, semidistrutta la sua A3

I più letti della settimana

  • Pensioni, sciopero generale contro l'accordo: "Assegni decurtati del 25%"

  • Come e dove risparmiare quando si fa la spesa: la classifica di Altroconsumo

  • Il piano di Fs per fare cassa: ancora case e centri commerciali al posto dei binari

  • Alitalia, lo sciopero del 22 settembre a rischio precettazione: è scontro con i lavoratori

  • Fusione Fs Anas, nasce il gigante dei trasporti

  • Industria 4.0, Renzi annuncia piano da 23 miliardi in 4 anni: "Giochiamo la carta del coraggio"

Torna su
Today è in caricamento