È l'Italia la nuova "culla" delle imprese cinesi: sono più di cinquantamila

Sono 50.797 gli imprenditori attivi in Italia e nati in Cina. Le province con il maggior numero di imprese fondate da cinesi sono quelle di Milano, con 5.620 titolari, e Prato, 5.245

ANSA

I dati sono ufficiali, e sono stati resi noti dalla Camera di Commercio di Milano. Sono 50.797 gli imprenditori attivi in Italia e nati in Cina. Le province con il maggior numero di imprese fondate da cinesi sono quelle di Milano, con 5.620 titolari, e Prato, 5.245. Seguono Firenze con quasi 4mila piccole attività, Roma con oltre 3mila e Napoli con circa 2.500 imprese cinesi. Sono stati analizzati i dati in occasione del Capodanno cinese che si celebra oggi, 5 febbraio, giorno in cui parte l'anno del maiale.

Imprese cinesi in Italia: in testa Toscana e Lombardia

In base ai numeri raccolti su dati del Registro imprese, quasi 20mila imprenditori cinesi sono attivi nel commercio e 17 mila nel manifatturiero. Ci sono poi oltre 7mila imprese dell'alloggio e ristorazione e oltre 4mila nei servizi alla persona. E se il manifatturiero si concentra in Toscana (7.485 imprese su 17.572 in Italia, 42,5% nazionale), la Lombardia è prima per presenza di ristoratori e baristi (2.564 imprenditori su 7.131, 36% nazionale) e fornitori di prestazioni alla persona (1.908 su 4.775, il 40%). I settori in cui "dominano" i cinesi sono senza dubbio alcino il commercio-venditori ambulanti, il manifatturiero e la ristorazione-bar.

Nella sola Lombardia, che conta complessivamente oltre 10mila imprese cinesi, alle spalle di Milano si piazzano per numero di imprenditori attivi Brescia (1.019), Mantova (757), Bergamo (684), Varese (573) e Monza Brianza (535). Per tasso di crescita negli ultimi sei anni domina in regione la provincia di Monza Brianza che segna un +80%. Segue Lecco (+68%), Lodi (+60%) e Como (+57%). Milano, da sempre molto vissuta dalla comunità del Dragone, negli ultimi sei anni ha visto aumentare le imprese cinesi crescere del 38%.

C'è un'Italia che non conosce crisi (peccato che sia taroccata)

A livello regionale, in base agli ultimi dati disponibili, le imprese cinesi in Italia si concentrano soprattutto al nord, in particolare in Toscana, Lombardia e nel Veneto. Interessante notare come negli ultimi anni si sia registrato un boom in Campania, dove le imprese cinesi sono cresciute del 46%.  L'imprenditoria straniera nel 2017 è stata pari all'8,8% del totale Italia, mentre nel 2009 era soltanto pari al 6,2%: una crescita costante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2017 le somme complessive di denaro inviate verso il Paese d'origine dagli immigrati cinesi presenti nel nostro Paese è stato di 136 milioni di euro. Nel 2012 erano stati inviati in Cina ben 2,6 miliardi di euro, secondo recenti studi della Cgia di Mestre.

C'è un'Italia che si arrende: 20mila negozi hanno abbassato la saracinesca (per sempre) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Test sierologici, solo 1 su 4 finora ha detto sì: "Se ricevete una chiamata da questo numero rispondete"

  • Bonus bici, attenzione alle due fasi (e serve la fattura)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento