Ipotesi sciopero delle guardie giurate: arriva il chiarimento dell'A.G.R.I

Dopo la minaccia di sciopero paventata del presidente dell'A.N.G.G.I. sul quotidiano Repubblica, arrivano i chiarimenti dell'A.G.R.I, Associazione Guardie Riunite d'Italia

Foto di repertorio

Ha creato molto clamore la minaccia di sciopero di una settimana paventata dal presidente dell'A.N.G.G.I., Fabio Padovani, per protestare contro le promesse non mantenute da Salvini nel decreto Sicurezza, in relazione alla categoria delle guardie giurate. Una minaccia resa pubblica in un articolo di Repubblica, da noi riportato mercoledì 9 gennaio, in cui veniva indicato come periodo di riferimento la settimana tra il 26 febbraio e il 5 marzo. A calmare le acque e a chiarire alcuni punti della questione, come la scarsa possibilità di uno sciopero così lungo, il numero delle guardie giurate in Italia è arrivato il comunicato del presidente dell'A.G.R.I, Massimo Raffi, indirizzato alla stampa e al ministero dell'Interno e che riportiamo in versione integrale:

"La scrivente associazione, a difesa della realtà e della regolarità nelle procedure e delle norme del settore e della rappresentanza, in riferimento ai lavoratori, specificatamente per la categoria delle guardie particolari giurate italiane, successivamente all’articolo giornalistico, uscito in data odierna nella cronaca politica del quotidiano nazionale la Repubblica.it, sente la necessità di intervenire in merito. In Primis per dare atto che le guardie particolari giurate italiane non sono 51 mila, secondo l’ultima elaborazione Censis su dati InfoCamere, nel 2017 gli addetti impiegati nei servizi di vigilanza privata negli istituti di vigilanza sono 42.672 unità ( rapporto dei dati tab 15 e tab 16) e di queste 42.672 unità bisogna stabilire l’esatto numero delle guardie particolari giurate che, per effetto di una contrazione specifica del settore del servizio armato e dello sviluppo del 2.4% annuo del servizio non armato, fa ipotizzare che il numero di g.p.g. sia attualmente intorno alle 36.000 unità. Ricordiamo inoltre, che le guardie particolari giurate sono tutelate sindacalmente dalle associazioni sindacali, prime fra tutte le associazioni confederali CGIL Filcams, CISL Fisascat e UIL Tucs ma anche UGL Sicurezza Civile, CISAL Sinalv e una quantità imprecisata di sigle autonome, indipendenti e del sindacato di base tra cui CSISAVES- Flaica cub – USB, etc. Il servizio prestato dalle guardie particolare giurate rientra nei servizi pubblici essenziali che, secondo la legge italiana, fa riferimento all’esercizio del diritto di sciopero, in settori che offrono servizi indispensabili per garantire ai cittadini il godimento di diritti della persona costituzionalmente tutelati".

"I soggetti che promuovono lo sciopero - prosegue il comunicato dell'A.G.R.I. -devono garantire l’erogazione delle prestazioni indispensabili, come appunto quella minacciata nell’articolo giornalistico del blocco del sistema monetario, delle banche e delle poste, per privare della disponibilità dei contanti. Ma preventivamente, va svolta una procedura di raffreddamento sotto la lecita osservazione della Commissione di Garanzia, che tra l’altro, ha il compito di precettare e di sanzionare le organizzazioni che vi aderiscono in violazione della legge. Stabilito che l’articolo giornalistico è ricco di inesattezze che la privano di quella logica essenziale per la sua stessa credibilità, vorremmo ora entrare nel merito della funzionalità organizzativa dei promotori dello sciopero, la stessa che la scrivente organizzazione ha coinvolto in una manifestazione unitaria, promossa il 27 marzo del 2018 nelle maggiori città italiane: Milano, Roma, Napoli, Bari, Genova e Palermo, per attenzionare le Prefetture e gli enti istituzionali sull’importanza della sicurezza sul lavoro delle stesse guardie giurate e sulla necessità di incentivare il ruolo di controllo, delle Questure e delle Prefetture, sulle imprese private che erogano i servizi sussidiari o complementari alle forze di Polizia".

"In quell’occasione l’A.N.G.G.I. aveva avuto, da A.G.R.I. associazione promotrice, il ruolo di organizzare la manifestazione su Genova e di dare, eventualmente, supporto alle altre organizzazioni coinvolte nell’iniziativa in altre città, deludendo completamente ogni aspettativa. Nelle ore successive a quella manifestazione la stessa A.N.G.G.I. manifestò palesemente, in disaccordo con la scrivente, l’ambizione individuale e prevaricatrice, di assumere la rappresentanza del settore attraverso un piano di esclusione delle altre organizzazioni sindacali. Premettendo che la scrivente non è una organizzazione sindacale ma una associazione che promuove gli interessi extra-contrattuali, dando importanza al ruolo sociale e professionale delle guardie particolari giurate, supportando tutti gli altri enti di tutela, sindacali e non, attraverso la disponibilità volontaria e gli studi di settore dei professionisti n/s iscritti, abbiamo creduto di isolare l’A.N.G.G.I. da qualsiasi altra iniziativa. Continuando così per la propria strada e unitamente agli altri sodalizi: A.N.P.G. di Napoli, SAVES di Palermo, CSI di Milano si è provveduto a manifestare c/o il Ministero dell’interno a Roma e prendere accordi con la segreteria dell’On. Molteni, sottosegretario di Stato del Ministero, con cui si è instaurato un proficuo dialogo istituzionale sui contenuti già promossi dalle precedenti iniziative e proseguendo con ulteriori documenti che la presente associazione sta sviluppando".

"Riteniamo che questi articoli giornalistici - conclude l'associazione - siano un grezzo modo di fare rappresentanza, allontanando ancor di più i veri problemi che attanagliano la categoria dalla loro risoluzione, creando sconcerto o confusione nel contesto lavorativo e sociale. Ci auspichiamo un rapido e deciso intervento istituzionale per ripristinare la qualità dell’informazione, riportando la rappresentanza nella sua giusta dimensione, spronando la figura professionale alla sua giusta utilità professionale nel contesto di liceità".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • .... tranquilli, adesso arriva Richy il coglionazzo di Torino today e si mette in testa al corteo...

  • credo che le guardie giurate hanno avuto i cogli#oni il 4 maggio quando 4000 lavoratori sono scesi in piazza a Roma nell'unico sciopero generale preparato dalla categoria e dagli enti di tutela legittimati dai lavoratori. Ma unitamente agli attributi serve anche un minimo di cervello per comprendere che i cambiamenti avvengono nel tempo, allacciando relazioni e confronti con le istituzioni, citando dati scientifici ed effetti sociali. Con l'ignoranza e l'inciviltà, di qualche sedicente organizzazione, che rappresenta forse qualche decina di persone o di movimenti professionali, si rischia di colpire solo ed esclusivamente le libertà civili dei cittadini a tutto svantaggio dell'espansione e della valorizzazione della stessa categoria. In Francia poi, si è attivato un movimento di protesta che in Italia invece si è precedentemente manifestato con l'elezione del nuovo parlamento e comunque successivo ai tanti movimenti nati dal disappunto politico dei precedenti governi (vedi forconi)

    • dovresti fare il sindacalista, visto che sono 5 anni che chiedono piu soldi e non vengono ascoltati. Forse tu sai parlare meglio, fatti assumere e risolvi sta situazione.

  • infatti mi sembrava strano che avessero abbastanza cogli#oni da fare sciopero, preferiscono rimanere sottopagati e alla merce' dei delinquenti quando vanno di ronda da soli!!! La francia insegna. E l'italia non apprende!!!

Notizie di oggi

  • Economia

    Una beffa per le mamme: addio al bonus baby sitter per il 2019

  • Scuola

    L'idea di Salvini sul grembiule obbligatorio a scuola che mette (quasi) tutti d'accordo

  • Cronaca

    E45 interrotta per rischio crollo, Anas: "Cantieri avviati, ecco gli itinerari alternativi"

  • Politica

    Battisti, il trofeo esibito: esposto della camera penale contro il ministro Bonafede

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 14 al 20 gennaio 2019

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 15 gennaio 2019

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 10 gennaio 2019

  • Benzina e diesel, ci sono brutte notizie per gli automobilisti: ecco i rincari

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 12 gennaio 2019

  • Fabrizio Corona: "Gli psichiatri mi dissero che Carlos non è un bambino come tutti, andai da Belen"

Torna su
Today è in caricamento