Quanto costa (a tutti noi) il lavoro nero di colf e badanti: buco fiscale da 3 miliardi

In Italia ben 6 domestici su 10 lavorano senza regolare contratto di assunzione, un buco stimato in 3 miliardi per le casse del Fisco. E' quel che emerge dal rapporto di Assindatcolf

Foto: Ansa

Lavori domestici e "nero" non sono più sinonimi come qualche anno fa. Ma la situazione resta critica. Ogni anno, in Italia, oltre 3 miliardi di euro non entrano nelle casse dello Stato come conseguenza del lavoro domestico in nero. E' quanto emerge dal rapporto 'Lavoro domestico irregolare: quanto ci perde lo Stato', presentato oggi da Assindatcolf, associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, nel corso di un convegno che si è svolto alla Camera dei deputati, Palazzo Theodoli Bianchelli.

Secondo i dati forniti da Assindatcolf, in Italia 6 domestici su 10 lavorano nelle case degli italiani senza regolare contratto di assunzione.

Badanti e colf : l'esercito del "nero"

Un piccolo grande 'esercito' di 1,2 milioni di lavoratori completamente in nero, senza diritti ma anche senza doveri, in grado di generare un considerevole 'buco' nelle casse dello Stato: 600 milioni di euro per reddito da lavoro non dichiarato (Irpef) e 1,8 miliardi di contributi previdenziali non versati (Inps). Lo scenario è però molto più variegato di quel che si pensa generalmente. Infatti ai lavoratori irregolari si aggiungono anche i 'furbetti' regolarmente assunti che, però, non presentano la dichiarazione dei redditi o coloro che dichiarano meno ore di quelle che realmente lavorano, ecco che si arriva a definire un mancato gettito nello casse dello Stato pari a 3,1 miliardi di euro l'anno.

La dimensione economica del settore è imponente, e in una società sempre più vecchia come quella italiana lo sarà sempre di più: Assindatcolf ha calcolato in 19,1 miliardi il giro di affari annuo generato dal lavoro domestico (l'1,25% del Pil), di cui 10,3 miliardi derivanti da lavoro irregolare e 8,8 miliardi di euro da lavoro in chiaro. ''Numeri importanti - dichiara Renzo Gardella, presidente Assindatcolf - ma che fino ad oggi non sono stati sufficientemente tenuti in considerazione da chi ha responsabilità di governo. Invertire la rotta diventa oggi fondamentale: sia per aiutare le famiglie che, indubbiamente, evadono per necessità, ma anche per mettere a sistema un settore che, in una società che tende sempre più all'invecchiamento e non incentiva alla natalità, può rappresentare un vero e proprio motore sociale ed economico''.

La badante? Un lusso accessibile solo a 8 pensionati su 100

"Le possibili soluzioni ci sono"

''Una possibile soluzione - dice Gardella - potrebbe essere quella di rendere il lavoro regolare meno costoso di quello in nero, come avverrebbe se si potesse interamente dedurre il costo del lavoro domestico. In attesa che il governo faccia la sua parte la nostra associazione è al lavoro con le parti sociali con l'obiettivo di arrivare nel 2019 a definire un sistema di protezione specifico, long term care o sanitario integrativo, dedicato alle famiglie datrici di lavoro domestico''.

Contratti più cari per badanti e colf: così la Dignità la 'pagano' le famiglie

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Gli stá bene poi, agli italiani di mettersi in casa questa barbaria di colf e badanti ke oltre a fregarli di mazzate gli ripuliscono casa...non è vero ke gli italiani non lo vogliono fare...lavita pagá oltre a metterli apposto....tenetevi gli stranieri ke quello ke risparmiate ve lo fregano loro... ahahahah

  • per queste cose c è anche da ringraziare il (mortadella ) che ha avuto con suoi colleghi allora la stupenda idea di entrare in Europa con moneta euro che secondo loro avrebbe portato ad essere meno poveri ….che bravi a raccontarcele sti politici per fare l'opposto del paese in cui mangiano , adesso hanno altro motivo per litigare in tv ! ciaoooo

  • ... e perché sorvolare sul fatto che - trattandosi per lo più di persone straniere - a tutte le perdite indicate si aggiungono i costi di assistenza sociale e sanitaria?... volendo, si potrebbe addirittura aggiungere che se lo stato contribuisse all'assistenza domiciliare dei propri cittadini rilevando almeno parte dei costi le persone bisognose potrebbero permettersi personale italiano col quale lo stato recupererebbe l'investimento tramite tasse etc., risparmiando al contempo quanto si spreca per la presenza di persone non necessarie al paese...

    • Tu non sei necessario al paese zecca razzista.

      • Menomato straniero, vai a pulire culi al tuo paese....

  • se sapete tutto basta parole ,passate ai fatti!!

Notizie di oggi

  • Economia

    Manovra, dopo il taglio del deficit si allungano le finestre della Quota 100

  • Politica

    "Promesse tradite, non vi voto più": la rabbia sui social dei militanti di Lega e M5s

  • Mondo

    Antonio Megalizzi, la mamma: "Me l'hanno portato via, spero in un miracolo"

  • Politica

    Grandi opere, i 5 stelle si accorgono che non si può più dire "No"

I più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di lunedì 10 dicembre

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 dicembre 2018

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 11 dicembre 2018

  • Tassa sulle auto, beffa in arrivo: il paradosso della nuova legge

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto posticipate

  • Sondaggi, Salvini sorride "solo a metà": c'è un'inattesa brutta notizia per lui e per Di Maio

Torna su
Today è in caricamento