Come si danno le dimissioni

Chi rinuncia volontariamente al posto di lavoro deve seguire determinate regole: cosa è bene sapere per non avere sorprese

Le dimissioni, in quanto atto volontario del lavoratore, sono da sempre regolate in maniera più permissiva rispetto al licenziamento disposto dal datore di lavoro. Ma anche chi voglia rinunciare al proprio posto di lavoro deve seguire determinate regole e proprio perché rinuncia volontariamente non può accedere ai benefici previsti per chi invece viene licenziato.

Chi si dimette deve dare preavviso di licenziamento al datore di lavoro in forma scritta e inviarlo per via telematica: un preavviso dato solo verbalmente è una semplice informazione data al datore di lavoro, ma non è riconosciuto dalla legge come valido atto di dimissioni (il che significa che se si è comunicato solo a voce che non ci si presenterà più al lavoro a partire da una certa data si sarà responsabili di inadempimento di un contratto considerato legalmente ancora in corso).

Il preavviso deve essere dato con un anticipo predeterminato, non ci si può licenziare volontariamente dall’oggi al domani (salvo che per giusta causa), ed il lasso di tempo che deve intercorrere tra il preavviso e il momento in cui non ci si presenterà più effettivamente al lavoro (senza risultare inadempienti a obblighi contrattuali) dipende da:

  • tipologia di contratto di lavoro (es: tempo determinato o indeterminato);
  • livello di inquadramento (es. III livello CCNL commercio);
  • anzianità di servizio;
  • qualifica.

Le dimissioni non sono consentite ai lavoratori a tempo determinato, a meno che non ricorra giusta causa, salvo accordo con il datore di lavoro (chi è a tempo indeterminato non ha invece bisogno del consenso del datore di lavoro per andarsene, fatto salvo il termine di preavviso).

Il collaboratore coordinatore e continuativo può dimettersi quando vuole, a meno che nel rapporto di collaborazione sia stato pattuito un termine di preavviso.

Il mancato rispetto del termine di preavviso comporta un risarcimento corrispondente al periodo di mancato preavviso o a un importo pari al residuo del compenso globale pattuito per l’intero rapporto di collaborazione. Nei giorni di preavviso non vengono conteggiati eventuali assenze per malattia, infortunio, ferie e maternità.

Il termine di preavviso non vale in 3 circostanze: se ci si dimette durante una procedura di licenziamento collettivo, se ci si licenzia per giusta causa o se la rinuncia al proprio lavoro avviene durante il periodo tutelato di maternità o paternità.

Le dimissioni volontarie danno diritto al Tfr ma non alla Naspi (indennità di disoccupazione); se però le dimissioni vengono date per giusta causa la Naspi viene riconosciuta.

Dal blog "Asso di denari" di Carlo Sala

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Il portafoglio elettorale: perché le tasse saranno la chiave delle Europee

  • Economia

    Bollette a 28 giorni, perché c'è speranza per i rimborsi

  • Mondo

    Liberato Alessandro Sandrini: era stato rapito nel 2016

  • Economia

    Bollette gas e luce, tra costi nascosti e tasse le italiane tra le più care d'Europa

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Elezioni europee 2019: le liste e i programmi

  • Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

Torna su
Today è in caricamento