Lavoro, come funziona il contratto di apprendistato: durata e stipendio

Una tipologia di contratto che sentiamo nominare sempre più spesso. Ne esistono tre tipi diversi: ecco quali sono e come funzionano

Foto di repertorio

In un periodo storico come questo, in cui sono moltissime le persone in cerca di un posto di lavoro, si sente spesso parlare di contratto di apprendistato? Ma di cosa si tratta? Cosa lo differenzia dalle altre tipologie di contratto? L'apprendistato è un contratto di lavoro disciplinato dal Jobs Act, dagli articoli da 41 a 47.

Il contratto di apprendistato prevede per l'azienda l'obbligo di formazione del dipendente e a partire dal 2015 sono state introdotte nuove regole in merito ai termini di durata, alle agevolazioni per i datori di lavoro e alla retribuzione spettante all'apprendista. La caratteristica peculiare di questa tipologia di contratto è, quindi, la formazione e le regole previste variano in base alla tipologia di apprendistato stipulato che, a seguito delle novità introdotte dal Decreto Legislativo n. 81/2015, può essere di tre diverse tipologie. Si parla quindi di contratto di apprendistato professionalizzante, apprendistato per l'alta formazione e ricerca e apprendistato per il conseguimento di qualifica o il diploma professionale.

Il lavoro che c’è: ecco i professionisti più richiesti e che non si trovano più

Le tre tipologie

Il contratto per la qualifica e il diploma professionale può essere stipulato nei confronti di giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, ha una durata massima di 3 anni ed è rivolto a chi è ancora in fase di formazione. Il contratto di apprendistato professionalizzante è il più diffuso dei tre e può essere stipulato nei confronti di giovani tra i 18 e i 29 anni di età. La durata non può essere inferiore a 6 mesi e superiore a 3 anni (5 per gli artigiani) e l’apprendista avrà gli stessi diritti degli altri dipendenti (ferie, permessi e malattia).

Lo stipendio

Per quanto riguarda lo stipendio si parla di retribuzione percentualizzata: si parte solitamente dal 60% dello stipendio pieno fino ad arrivare al 100% al termine del periodo di apprendistato. Il contratto di apprendistato per l'alta formazione e la ricerca è invece rivolto a giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni ed è finalizzato al conseguimento del diploma di istruzione secondaria, laurea, master, dottorato di ricerca o per lo svolgimento del praticantato per l'accesso a una professione. Cosa succede al termine del periodo di apprendistato? L'azienda potrà scegliere se proseguire o recedere dal rapporto di lavoro. In quest'ultimo caso il lavoratore dovrà essere informato secondo i termini di preavviso stabiliti dal contratto collettivo.

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

I più letti della settimana

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 16 luglio 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

  • Esce a nuotare nel lago e scompare, dopo più di due giorni ricompare sano e salvo: dov'era stato

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di sabato 13 luglio 2019

Torna su
Today è in caricamento