Monte Paschi Siena, la Bce blocca la proroga per l'aumento di capitale

Il cda del gruppo aveva chiesto venti giorni in più per completare il rafforzamento dell'istituto di credito, ma è arrivato il no della Vigilanza della Bce alla proroga fino al 20 gennaio

ROMA - E' arrivato il no della Vigilanza della Bce alla richiesta da parte del cda di Monte Paschi Siena di prorogare al 20 gennaio i termini per completare l'aumento di capitale fino a 5 miliardi di euro, rispetto alla scadenza fissata al 31 dicembre. Lo riferiscono fonti finanziarie. Con il no di Francoforte a dare più tempo per una soluzione tutta privata si apre così la strada a una ricapitalizzazione pubblica per il Monte.

CONSEGUENZE - "Non ci sono i tempi nè gli investitori", spiega una fonte finanziaria. La Bce aveva concordato con Mps di chiudere il piano di rafforzamento entro fine anno. Per mettere in sicurezza il Monte servirà dunque l'intervento dello Stato. 

CROLLO A PIAZZA AFFARI -  Mps accelera al ribasso a Piazza Affari dopo le indiscrezioni che la Vigilanza della Bce avrebbe respinto la richiesta del cda di Mps di prorogare al 20 gennaio i termini per completare l'aumento di capitale rispetto alla scadenza fissata al 31 dicembre. Le azioni, dopo essere state sospese in asta di volatilità per eccesso di ribasso, lasciano sul terreno il 6% con un minimo toccato a 20,20 euro. Le vendite sul titolo dell’istituto senese sono diventate più consistenti dopo la notizia che la Bce avrebbe respinto la richiesta di concedere più tempo per l’aumento di capitale, aprendo la strada a un intervento dello Stato.

VERTICE "SEGRETO" -  Si è tenuto stamattina al ministero dell'Economia una riunione sulla vicenda Mps, secondo quanto riferiscono fonti del Tesoro. Con il ministro Pier Carlo Padoan erano presenti il presidente e l'ad di Mps e rappresentanti degli advisor JP Morgan e Mediobanca. Una riunione di carattere tecnico per un aggioramento della situazione e per fare il punto. Nel corso della riunione non si è parlato di un eventuale decreto per l'intervento dello Stato.

RABBIA M5S: "NO AL BAIL IN" - Non appena uscita la notizia, esplode la rabbia del Movimento 5 Stelle: "La Bce non concede altro tempo al sistema bancario italiano. Monte Paschi di Siena può essere ora salvata solo da un aiuto dello Stato, in modo da non applicare il bail-in ai piccoli risparmiatori come successo un anno fa. Questo intervento dev'essere fatto a deficit, come da sempre ripete il Movimento 5 Stelle e come, finalmente, sembra si stia discutendo a livello istituzionale. Non è il momento di avere paura dell'Unione Europea e di una possibile procedura d'infrazione: le conseguenze di un bail-in disordinato sarebbero a dir poco disastrose, quasi apocalittiche considerando le dimensioni di MPS". 

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

I più letti della settimana

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 16 luglio 2019

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di giovedì 18 luglio 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Esce a nuotare nel lago e scompare, dopo più di due giorni ricompare sano e salvo: dov'era stato

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 14 al 19 luglio 2019

Torna su
Today è in caricamento