Consob, accordo tra Lega e M5s per Paolo Savona alla presidenza

Lo riferiscono fonti del Carroccio, citate dall'AdnKronos

ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

C'è l'accordo tra Lega e M5s su Paolo Savona alla presidenza della Consob. Secondo quanto apprende l'Adnkronos da fonti del Carroccio, ci sarebbe infatti il via libera anche dallo stesso ministro per le Politiche europee.

La voce di Savona presidente della Consob era circolata con sempre maggiore insistenza dalla fine della scorsa settimana. La delega agli Affari regionali passerebbe nelle mani del premier Giuseppe Conte, che assumerebbe l'interim del ministero. In ultima analisi, la delega potrebbe essere assegnata ad una personalità vicino alla Lega. Già ieri si era invece capito che l'ok del M5S alla nomina era arrivato.

Chi è Paolo Savona

Classe 1936, economista di lungo corso, già ministro per il governo Ciampi, Savona ha iniziato la carriera presso il Servizio Studi della Banca d'Italia, di cui diventa direttore. Guai a definirlo euroscettico, ma certo non ama l'Unione europea così come è attualmente strutturata e non manca di denunciarlo. Del resto come potrebbe rinnegare il progetto dei padri fondatori, una personalità che è stata ministro dell'Industria nella prima metà degli anni Novanta nel governo di Carlo Azeglio Ciampi e direttore di Confindustria quando a presiederla era Guido Carli?

Sulla nomina di Savona alla presidenza della Consob, vacante da quattro mesi, c'era da risolvere la questione di una presunta incompatibilità a causa della legge Madia sulla Pubblica amministrazione. La legge Madia, ribadita e precisata da una circolare della stessa ex ministra Pd e del Mef, prevede infatti che chi è in “quiescenza” non può ricoprire incarichi “dirigenziali o direttivi”, se non a titolo gratuito e comunque per un solo anno. Secondo fonti della maggioranza, scrive Askanews, il caso però non dovrebbe essere applicato alla Consob che non è un organismo statale ma una Authority indipendente.

"Il ministro Savona non può fare il presidente della Consob, il governo non può ignorare le leggi. Le ragioni di incompatibilità di Savona sono diverse", ha detto la senatrice del Pd Simona Malpezzi, vicepresidente del gruppo dem a palazzo Madama. "Il ministro ha lavorato fino a maggio 2018 per il fondo Euklid, quindi per un soggetto vigilato da Consob, in più risulta in conflitto con le leggi Madia e Frattini - ha aggiunto Malpezzi - Se il Consiglio dei ministri approvasse la nomina, pur in presenza di tali incompatibilità, ci troveremmo di fronte ad una situazione gravissima e senza precedenti".

Cos'è la Consob

Consob è l'acronomio di Commissione Nazionale per la Società e la Borsa. Istituita nel 1974, è dotata di autonoma personalità giuridica e piena autonomia. La sua attività è rivolta alla tutela degli investitori, all'efficienza, alla trasparenza e allo sviluppo del mercato mobiliare italiano.

La funzione di vigilanza si svolge di concerto con la Banca di Italia, per quanto riguarda l'attività degli istituti di credito italiani o di diritto estero operante nel nostro Paese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di sabato 19 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Elena Santarelli rivela: "Io e Bernardo Corradi ci siamo allontanati a causa della malattia di Giacomo"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 22 ottobre

Torna su
Today è in caricamento