Pensioni, novità per l'assegno Inps: ecco quanti soldi arrivano davvero ai pensionati

Meno pensioni ma assegni Inps più generosi. Cambiano gli importi delle pensioni degli italiani. Tutte le notizie, le novità, e il calcolo dell'età pensionabile: tutto quello che c'è da sapere

Meno pensioni ma assegni Inps più generosi: questa la fotografia scattata dall'Inps nel Monitoraggio sui flussi di pensionamento.

Pagamento pensioni, anche a maggio ci sarà da aspettare

Nel primo trimestre del 2018 sono state liquidate 110.997 pensioni, un numero in contrazione rispetto alle 121.095 dello stesso periodo del 2017.  L'importo medio è di 1.093 euro contro i 1.042 euro del primo trimestre dello scorso anno. L'Inps ricorda inoltre come nel 2017 siano stati liquidati 586.033 assegni con un importo medio di 998 euro.

Pensioni: vecchiaia e anzianità, cosa cambia

Nel primo trimestre dell'anno sono state 29.564 le pensioni di vecchiaia con importo medio di 761 euro; 31.397 pensioni di anzianità che hanno registrato un importo medio di 2.044 euro.

Nel 2050 serviranno almeno 70 anni per lasciare il lavoro (ma non per tutti)

Sempre nel primo trimestre 2017 sono ammontate a 7.772 le pensioni di invalidità con assegni medi pari a 768 euro e 42.264 quelle ai superstiti con importi medi di 678 euro.

Pensioni, a che età si può lasciare il lavoro

L'Inps ricorda che mentre il 2017 è stato un anno in cui sia i requisiti di età per la vecchiaia, sia quelli di anzianità per la pensione anticipata, sono rimasti immutati rispetto al 2016, nel 2018 è scattata l'equiparazione fra uomini e donne a 66 anni e sette mesi dei requisiti per la pensione di vecchiaia nel settore dei dipendenti privati e dei lavoratori autonomi.

Calcolo 2018 per lavoratori e tipologie di assegno 

Per quanto riguarda invece la pensione anticipata, l'Inps ricorda che per il 2018 non sono previsti cambiamenti nei requisiti per la generalità dei lavoratori, ma viene introdotta la possibilità di pensionamento anticipato con soli 41 anni di contributi, per i cosiddetti ''lavoratori precoci'' (12 mesi di contributi maturati entro il compimento dei 19 anni di età e in una determinata condizione di tutela stabilita dalla norma), nei limiti dei Fondi annualmente stanziati e con richiesta di certificazione dei requisiti per l'accesso al beneficio entro il 1°marzo 2018.

Pensioni 2018: notizie, novità, calcolo e tutto quello che c'è da sapere 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento