Pensioni, l'idea dell'ex ministro: "Lasciamo morire quota 100"

Quale futuro per quota 100? Ecco la "ricetta" dell'ex ministro dell'Economia Padoan sulla riforma delle pensioni attuata dal governo M5s-Lega

"Pensioni, lasciamo morire quota 100 alla sua scadenza naturale", dice l'ex ministro Pier Carlo Padoan

Quota 100, operativa dal 2019 (e in via sperimentale fino al 2021), consente l'uscita anticipata dal mondo del lavoro per tutti coloro che vantano almeno 38 anni di contributi con un'età anagrafica minima di 62 anni. Ma quale sarà il futuro del provvedimento sulle pensioni votato dalla maggioranza uscente M5s-Lega? Pier Carlo Padoan, ex ministro dell'Economia prima nel governo Renzi e poi riconfermato in carica nel governo Gentiloni, ha le idee chiare.

"Pensioni, lasciamo morire quota 100"

L'ex titolare del dicastero di Via XX Settembre, in un'intervista a La Stampa, dà un giudizio molto negativo su quota 100 "che contrariamente a quanto veniva fatto credere non è un meccanismo che crea più occupazione, anzi riduce i posti di lavoro ed è molto costoso". Come ovviare? Padoan ha un'idea: "L'ipotesi di non cancellare quota 100, e lasciarla 'morire' alla sua scadenza naturale (nel 2021, ndr), darebbe una importante stabilità al programma di governo".

Quota 100 e le coperture fino al 2021

Ricordiamo che la riforma delle pensioni approvata lo scorso gennaio ha una dotazione finanziaria che ne garantisce la copertura fino al 2021 e, salvo colpi di scena, è scarsamente probabile che il nuovo governo decida di mettere mano ad un tema scottante come quello della previdenza. Essendo quota 100 una misura introdotta in via sperimentale per tre anni, tutto lascia suppore che il tema si riproporrà solo nel 2021 quando il governo in carica dovrà giocoforza prendere una decisione.

Tornando all'intervista di oggi su La Stampa, Padoan ha una posizione meno "severa" nei confronti di un altro provvedimento targato Movimento 5 stelle: il reddito di cittadinanza. "Penso ancora che sia uno strumento che vuole conciliare troppe cose diverse, come l'assistenza ai più deboli e la ricerca attiva del lavoro, che però sono due cose collegate e necessarie - dice l'ex ministro - per una crescita inclusiva e per aumentare l'occupazione, specie quella femminile". E conclude parlando delle trattative tra M5s e Pd per un eventuale governo giallorosso: "Immagino che si dovrà discutere di altre misure specifiche. Ma questo lo vedremo quando ci sarà il programma".

Nuovo governo, si tratta sui temi: grandi assenti reddito di cittadinanza e Quota 100

pensioni nuova ansa-2

Guarda anche

Padoan: governo Renzi ce la farà, vedrete tra sei mesi

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il ministro Padoan ne è sicuro: il governo Renzi ce la farà, vedrete tra sei mesi". Parlando da New York, il ministro dell'Economia ha sottolineato come sia "indispensabile" che il governo prosegua sulle "riforme", ma ha aggiunto che tra sei mesi "si inizieranno a vedere segni tangibili, sempre più forti, che l'economia italiana sta uscendo da una fase molto dura, e quindi cominceranno a esserci prospettive concrete di occupazione e di crescita"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza? No, grazie. La geniale trovata di Carlo per non lavorare

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • SuperEnalotto, estratto un 5+1 da mezzo milione di euro. I numeri vincenti di Lotto e 10eLotto

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 14 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 16 al 22 settembre 2019

Torna su
Today è in caricamento