Pensioni, l'accordo M5s-Lega alla prova del ricalcolo degli assegni d'oro

A settembre il provvedimento del governo che "taglia le pensioni d'oro" approderà in commissione. Ma il percorso parlamentare del disegno di legge sarà tutt'altro che in discesa: Lega e 5 stelle la pensano in modo opposto. Luci e ombre del "ricalcolo delle pensioni"

Il taglio alle pensioni d'oro arriverà a settembre con la riapertura del Parlamento: si inizierà con la discussione del disegno di legge in commissione per preparare l'approdo del testo in aula. Nelle intenzioni del governo e del vicepresidente del consiglio Luigi Di Maio, grande sponsor del progetto caldeggiato dal Movimento 5 stelle, c'è l'ìnserimento di un tetto per chi riceve assegni pensionistici superiori ai 4mila euro. 

Pensioni, ultime notizie

"Dai 4.000 euro in su ognuno prende la pensione in base ai contributi che ha versato" spiega oggi il ministro del lavoro rilanciando l'impegno in vista di Settembre. "Non faremo neppure un passo indietro finchè le pensioni d'oro, così come i vitalizi dei deputati, non saranno solo un ricordo".

Pensioni, come funziona il taglio agli assegni d'oro

Il meccanismo contenuto nella proposta di Legge di Lega e M5s si basa su una riduzione delle quote retributive dell'assegno a seconda dell'età di pensionamento, un intervento che colpirebbe in modo più pesante coloro che si sono ritirati in anticipo, sfruttando in passato vigenti i requisiti di pensionamento più favorevoli.

Tra coloro che rischiano di vedere cospicui tagli ai propri assegni sono i cosidetti pensionati d'oro, ex manager di Stato, e sindacalisti. Come denunciato dal vicepremier ad essere toccati dai tagli saranno coloro che prendono pensioni anche di ventimila euro senza versare i contributi necessari.

I governo conta di risparmiare tra i 500 e i 600 milioni di euro da ridestinare ad un fondo che abbiamo come scopo l'incremento delle pensioni minime.

Pensioni, la rivoluzione dovrà attendere: le casse sono vuote, eppur qualcosa si muove 

Se la cornice è chiara, il dibattito verterà tutto sulle modalità di intervento: ovvero se applicare un prelievo di solidarietà (come proposto dalla Lega) oppure tramite un ricalcolo dell'assegno con il sistema contributivo (ipotesi sostenuta dal M5S).  Nel 2013 il MoVimento 5 Stelle aveva già proposto una legge che imponeva un limite massimo all'erogazione delle pensioni di importo superiore a 5.000 euro netti per un periodo temporale di tre anni sia sulle pensioni in corso di erogazione sia su quelle che sarebbero state liquidate nel triennio. Non se ne fece nulla, ma l'impianto è simile. 

La proposta più facilmente perseguibile è la reintroduzione del contributo di solidarietà, un sentiero già sperimentato dal Governo Letta con la finanziaria 2014 (articolo 1, co. 486 della legge 147/2013) è già giudicato legittimo nel 2017 dalla Corte Costituzionale. Come ricorda il portale specializzato pensionioggi il prelievo prevedeva una decurtazione del 6% sulla quota di assegno oltre un importo lordo pari a 14 volte il trattamento minimo vigente nel fondo pensione lavoratori dipendenti (circa 500 euro al mese); il 12% oltre le 20 volte il minimo; il 18% oltre le 30 volte.

Il ricalcolo delle pensioni con il sistema contributivo

L'ipotesi più caldeggiata dal Movimento 5 stelle è invece un percorso più difficile: il ricalcolo in chiave contributiva dell'assegno pensionistico era già stata valutata negativamente dall'Inps in diverse audizioni in Parlamento. Il ricalcolo avrebbe il vantaggio di commisurare il valore dell'assegno all'entità dei contributi effettivamente versati dall'assicurato ma - oltre ad essere a forte rischio incostituzionalità - pone una serie di problemi pratici di difficile soluzione a partire dalla ricostruzione della carriera lavorativa del pensionato: se per il talgio dei vitalizi la delibera approvata dalla maggioranza seguiva proprio questa strada, procedere alla ricostruzione della carriera lavorativa degli italiani porterebbe ad un impiego di ingenti risorse, e più spese.

Pensioni, quali lavoratori hanno diritto al blocco dell'età nel 2019

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Scusate Redazione, ma... il disegno di legge non esiste già? Ed è firmato sia daiCinquestelle, sia dalla Lega? Se hanno presentato un disegno di legge a firma conguinta dei due capigruppo, dove sarebbe il dibattito o il disaccordo? E di quale ricostruzione della carriera parlate? Il disegno di legge prevede il ricalcolo dell'importo annuo sulla base dell'adeguamento dei coefficienti di trasformazione contenuti nella legge 335 del 1995 in rapporto ai limiti per l'età minima pensionabile ex lege 214 del 2011. Si ricalcolano i coefficienti, si applicano all'importo annuo e si divide per 12. Di quale ricostruzione parlate?

Notizie di oggi

  • Politica

    Abuso d'ufficio, nuova crepa nel governo: cosa prevede la legge che Salvini vuole abolire

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee, seggi aperti: inizia la lunga maratona

  • Attualità

    La politica si divide sull’anniversario della strage di Capaci

  • Politica

    Europee, i grandi assenti dalle liste di Lega e M5s sono i candidati "gay friendly"

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Elezioni europee 2019: le liste e i programmi

  • Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

Torna su
Today è in caricamento