Prestiti ancora in calo: così "manca l'ossigeno" alle piccole imprese italiane

I finanziamenti bancari alle piccole imprese con meno di 20 dipendenti sono scesi. Cgia: "Senza liquidità, molti artigiani e altrettanti piccoli imprenditori si sono trovati in gravi difficoltà". E il rischio è che gli imprenditori "finiscano le braccia delle organizzazioni criminali"

Ansa

Il trend non fa ben sperare. Rispetto allo stesso periodo del 2018, anche nel mese di marzo di quest'anno, i finanziamenti bancari alle piccole imprese sono scesi del 2,3 per cento: un trend negativo che per queste realtà aziendali dura ormai da 7 anni. A rilevarlo è l'Ufficio studi della Cgia. "Dal 2012, come sottolinea la Banca d'Italia nella sua ultima Relazione annuale, il volume dei prestiti alle aziende con meno di 20 addetti è sceso costantemente" sottolinea il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo. Si tratta, aggiunge, di "un risultato che solo in parte è riconducibile alla qualità della domanda e al livello di rischiosità di questi soggetti".

"Anche a parità di rischio, infatti, -argomenta Zabeo- i tassi di interesse applicati alle imprese minori sono in media superiori di 300 punti base di quelli pretesi alle aziende di grandi dimensioni. Diversamente, si sono pressoché annullate le differenze tra gli interessi richiesti alle micro aziende maggiormente vulnerabili rispetto a quelle affidabili". Una condotta, quella praticata degli istituti di credito nei confronti delle piccole e piccolissime imprese, che secondo la Cgia "lascia trasparire una volontà ben precisa.

Cgia: in calo volume dei prestiti alle aziende con meno di 20 addetti

Renato Mason, Segretario della Cgia, rimarca come "quando una micro impresa si rivolge ad una banca per ottenere un finanziamento, nella stragrande maggioranza dei casi quest'ultimo ha una dimensione economica molto contenuta. Se in prima battuta sembra una richiesta facilmente solvibile, successivamente si scopre che per redigere l'istruttoria ed erogare il prestito gli istituti di credito devono assumersi dei costi fissi molto elevati, che riducono al minimo i margini di profitto di questa operazione". Questa, indica Mason, "è la ragione che ha spinto molte banche, soprattutto di livello nazionale, a chiudere i rubinetti del credito alle micro aziende. E senza liquidità, molti artigiani e altrettanti piccoli imprenditori si sono trovati in gravi difficoltà".

Imprenditori a corto di liquidità: qual è il rischio concreto

C'è anche un altro aspetto, molto grave, di cui tenere conto. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, inoltre, non è da escludere che a seguito della significativa diminuzione dell'offerta di credito avvenuta in questi ultimi anni, molti piccoli imprenditori, soprattutto al Nord, siano finiti tra le braccia delle organizzazioni criminali di stampo mafioso. Realtà, queste ultime, sempre molto disponibili a ''soccorrere'' chi si trova a corto di liquidità. Un problema che sta assillando, in particolar modo, le attività del comparto casa - edili, dipintori, elettricisti, idraulici, installatori impianti, serramentisti - che, con l'entrata in vigore del ''Decreto crescita'', rischiano di subire un ulteriore danno economico. La Cgia sottolinea che le disposizioni previste dall'art. 10, infatti, stabiliscono che i privati, in alternativa alle detrazioni Irpef del 65 e del 50 per cento, possono cedere gli sgravi fiscali all'azienda a cui hanno affidato i lavori di riqualificazione energetica e-o di riduzione del rischio sismico, usufruendo di uno sconto molto generoso sulla fattura da onorare.

Il Centro Studi della Cgia rimarca che "se da un lato questa decisione può rimettere in moto con forza l'economia del comparto casa, visto che consente al committente di beneficiare di uno sconto del 50 per cento sul corrispettivo dovuto, dall'altro rischia di penalizzare le imprese che hanno realizzato l'intervento, visto che potranno incassare la metà del corrispettivo attraverso la compensazione fiscale entro i successivi 5 anni". E' evidente, prosegue la Cgia, "che una grande azienda può far fronte a questo meccanismo, ma chi non dispone di liquidità, come la stragrande maggioranza delle aziende artigiane del settore edile e dell'installazione degli impianti, rischia di dover rinunciare alla commessa, non potendo sostenere, e anticipare, una buona parte delle spese necessarie per realizzare l'opera". "Di conseguenza, le imprese che si faranno carico di questo onere potranno permettersi di presentarsi al cliente e proporgli questa soluzione, mentre i piccoli artigiani saranno scoraggiati dal suggerire questa misura, con il pericolo di essere estromessi dal mercato" aggiunge ancora.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inps, Inail e ministeri pagano in ritardo: debito 'monstre' con le imprese 

prestiti banche

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento