Altro che boom, l'Italia non sa più correre: produzione industriale giù del 5,5%

L'Istat documenta come tutti i principali settori di attività economica registrano variazioni tendenziali negative, ma l'allarme più cupo è per i mesi a venire: "Serie difficoltà dei livelli di attività economica"

Dopo le pessime stime sul Pil un nuovo dato economico documenta lo stop che sta subendo l'economia italiana: a Dicembre diminuisce nuovamente la produzione industriale italiana, con una variazione peraltro ampiamente negativa sia su base congiunturale sia in termini annui. Lo spiega l'Istat nel suo report economico pubblicato oggi. Dopo il punto di massimo di dicembre 2017, in tutti i trimestri del 2018 la produzione ha registrato una flessione divenuta più marcata nell’ultimo trimestre. Corretto per gli effetti di calendario, l’indice della produzione industriale a dicembre 2018 è diminuito in termini tendenziali del 5,5%.

La flessione è diffusa a livello settoriale. Tutti i principali settori di attività economica registrano infatti variazioni tendenziali negative. Le più rilevanti sono quelle dell’industria del legno, della carta e stampa (-13,0%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-11,1%) e della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-7,9%).

produzione industriale settori-2

Come sottolinea l'Istat i livelli produttivi del 2018 hanno chiuso in moderata crescita ma solo grazie all’effetto di trascinamento dovuto al positivo andamento dell’anno precedente.

Ma l'allarme più cupo è per i mesi a venire. "L'indicatore anticipatore ha registrato una marcata flessione - sottolinea la nota mensile sull'andamento dell'economia italiana - prospettando serie difficoltà di tenuta dei livelli di attività economica".  

Produzione industriale mai così male da 4 anni

produzione industriale-2

Ricordando il dato negativo del Pil nel quarto trimestre 2018, la "seconda variazione congiunturale negativa consecutiva, determinata da una nuova flessione della domanda interna". L''istituto di statistica sottolinea anche come il "rallentamento dell'economia internazionale si è prolungato anche nell'ultima parte dello scorso anno, colpendo in particolare il settore industriale e la domanda internazionale".

produzione industriale 2018-2

L’indice destagionalizzato mensile mostra un lieve aumento congiunturale solo nel comparto dei beni intermedi (+0,1%); diminuiscono invece in misura marcata i beni di consumo (-2,9%) e l’energia (-1,5%).

Nel complesso del quarto trimestre il livello della produzione registra una flessione dell’1,1% rispetto ai tre mesi precedenti. 

produzione industriale 2018 indici-2

20 paesi e 6 rischi per chi vuole investire all'estero 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Il solito bluff da pokeristi.

Notizie di oggi

  • Politica

    Reddito di cittadinanza, così non va: tutti i nuovi guai del "decretone"

  • Economia

    Manovra bis, la chiederà l'Europa? L'avvertimento di Moscovici

  • Elezioni

    Elezioni Sardegna, una partita a tre ma il test è nazionale

  • Cronaca

    Legittima difesa, le ragioni del no alla riforma: "Più armi significa meno sicurezza"

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 18 al 24 febbraio 2019

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi martedì 19 febbraio 2019

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 16 febbraio 2019

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di giovedì 21 febbraio 2019

  • Meteo, arriva il ribaltone di fine inverno: cosa dicono le ultime previsioni

Torna su
Today è in caricamento