Reddito di cittadinanza e sfruttamento della prostituzione: gli tolgono la card

A Civitavecchia un uomo di 64 anni è finito in manette insieme ad altre tre persone, tra cui un anziano di 90 anni: i dettagli

Foto di repertorio

I carabinieri della compagnia di Civitavecchia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro persone, accusate di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Le indagini sono scattate dopo la denuncia per minacce presentata da una giovane romena, che si prostituiva lungo la Ss1 Aurelia, nei confronti di una ''collega'' connazionale dopo una lite per contendersi la piazzola di sosta all'altezza di Aranova.

Dopo essere riusciti a risalire all'identità della rivale, i carabinieri hanno anche fatto luce sulla rete di sfruttatori che la ''proteggeva'. Ad agosto scorso è finito in manette un romeno di 30 anni sorpreso dai militari  mentre stava ricevendo parte del provento dell'attività di prostituzione della donna.

Sfruttava prostituta e riceveva reddito cittadinanza, arrestato

Nel mirino dei carabinieri sono finiti anche un 64enne italiano, risultato titolare di reddito di cittadinanza, e un 90enne. Il 64enne, residente a Santa Marinella, avrebbe favorito l'ingresso in Italia della giovane, acquistandole il biglietto aereo. L'uomo inoltre accompagnava la giovane in auto nella ''sua'' piazzola di sosta, ricevendo in cambio denaro e prestazioni sessuali. I carabinieri hanno immediatamente chiesto alle autorità preposte la sospensione del reddito di cittadinanza. La rdc card è stata sequestrata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli altri indagati

Analoghi elementi sono stati raccolti a carico di due romeni, marito e moglie di 52 e 48 anni residenti a Santa Marinella, nel tempo subentrati al 64enne italiano nell'impiego di accompagnatori, sempre dietro compenso in denaro. L'altro italiano coinvolto nell'indagine è un 90enne di Aranova ed era colui che, secondo i carabinieri, "provvedeva al controllo delle attività della ragazza in strada, rifornendola di generi di conforto per consentirle di lavorare al meglio e senza perdite di tempo". Per i primi tre il Tribunale di Civitavecchia ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, mentre al 90enne sono stati concessi i domiciliari. 

Reddito di cittadinanza e lavori utili: partono le chiamate (ma non per tutti)

Addio reddito di cittadinanza: la follia davanti ai carabinieri, assegno sospeso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Amedeo Minghi ricoverato: "Avervi accanto è importante" (VIDEO)

Torna su
Today è in caricamento