Reddito di cittadinanza, il manuale che spiega come avere i soldi

Requisiti, adempimenti e importi: l'INPS ha realizzato una guida rivolta ai potenziali beneficiari di reddito e pensione di cittadinanza

Di Maio presenta la carta del reddito di cittadinanza (ANSA)

A quanto ammonta l'assegno del reddito di cittadinanza? Quali sono i documenti da presentare per avere accesso al beneficio? E le soglie di reddito? Per rispondere a questa ed altre domande l’INPS ha realizzato un manuale ad hoc: si tratta di una guida di una quindicina di pagine in cui viene spiegato dettagliatamente come funziona la misura di sostegno alla povertà approvata dal governo.  La guida è rivolta anche a quegli anziani che in virtù del proprio reddito avranno diritto alla così detta pensione di cittadinanza.

E se è vero che ormai i requisiti per ottenere il sussidio sono noti (quasi) a tutti, ci sono alcune domande decisamente più ostiche a cui la guida fornisce risposta. Eccone qualcuna:

  • Se in corso di fruizione varia il nucleo familiare si perde il beneficio?

Non è così, spiega l’ente previdenziale, ma è necessario ripresentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica  aggiornata "entro 2 mesi dalla variazione e anche una nuova domanda di Rdc/Pdc, pena la decadenza dal beneficio". Inoltre è bene fare attenzione: "Qualora la variazione sia dovuta a nascita o decesso di un componente occorrerà ripresentare solo la nuova DSU” e  “non occorre rifare anche la domanda".

Altro quesito a cui la guida dà risposta:

  • Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza sono compatibili con la percezione di NASPI?

A quanto pare sì. Secondo l’INPS, “il nucleo familiare può percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza anche qualora tutti i suoi componenti siano percettori di NASPI”.

E ancora:

  • Il reddito di cittadinanza è compatibile con la percezione delle prestazioni destinate agli invalidi civili?

La risposta è ancora una volta sì. Nel caso in oggetto, spiega l’ente previdenziale, reddito o pensione di cittadinanza “integrano nei limiti della soglia l’importo di tali prestazioni”.

Reddito di cittadinanza, chi può fare domanda

Com'è ovvio che sia il manuale risponde anche a domande all’apparenza più banali e dunque è destinato anche (se non soprattutto) a chi in questi mesi non si è interessato troppo all’argomento.

L’ente previdenziale spiega ad esempio chi sono i potenziali fruitori del reddito. Nello specifico il reddito di cittadinanza può essere chiesto da:

  • Cittadini italiani e dell’Unione Europea
  • Stranieri lungo soggiornanti (permesso di soggiorno a tempo indeterminato)
  • Stranieri titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, familiari di un cittadino italiano o dell’Unione Europea (es. la moglie giapponese di un italiano)

Occhio però: come abbiamo spiegato anche in altri articoli, se vi siete licenziati non avete diritto al reddito. Non solo. Come spiega l'INPS, infatti, "sono esclusi dal beneficio i nuclei familiari in cui siano presenti soggetti disoccupati che hanno presentato dimissioni volontarie negli ultimi 12 mesi dalla presentazione della domanda, fatte salve le dimissioni per giusta causa". 

Come si può presentare la domanda di reddito o pensione di cittadinanza

La domanda per ottenere il reddito di cittadinanza può essere presentata:

• in modalità cartacea, presso gli uffici postali avvalendosi del modello di domanda predisposto dall’Inps, a partire dal 6 marzo 2019 (e da ogni giorno 6 del mese). La domanda verrà inserita subito nel portale del Ministero del Lavoro dall’operatore di sportello di Poste

• on-line, direttamente sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al link www.redditodicittadinanza.gov.it tramite le credenziali SPID (informazioni sul sito www.spid.gov.it)

• la raccolta delle domande avverrà anche presso i Centri di Assistenza Fiscale (CAF), dalla data e con le modalità che saranno successivamente comunicate 6 Quali documenti occorrono per la domanda di Rdc/Pdc? Non occorre ulteriore documentazione, al momento della domanda bisogna solo aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE. Sarà l’Inps ad associare l’ISEE alla domanda.

Quali sono i documenti da presentare

L'Inps spiega che "non occorre ulteriore documentazione, al momento della domanda bisogna solo aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE. Sarà l’Inps ad associare l’ISEE alladomanda".

Ricordiamo che le domande per ottenere il reddito di cittadinanza possono essere presentate a partire dal 6 marzo 2019.

Reddito di cittadinanza: scarica qui il manuale INPS in Pdf

Reddito di cittadinanza, che caos: "Conviene non lavorare"

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

I più letti della settimana

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 9 luglio 2019

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Eros Ramazzotti e Marica Pellegrinelli: ecco perché si sono lasciati

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

  • Caterina Balivo felice al battesimo di Cora: grande l’intesa con la figlia del marito

Torna su
Today è in caricamento