Reddito di cittadinanza, perché il pagamento di ottobre è a rischio (e cosa fare)

Reddito di cittadinanza, attenzione alla scadenza del 21 ottobre 2019: entro questa data sarà necessario integrare la domanda presentata, per evitare di incorrere nella sospensione e nel conseguente ritardo del pagamento. Ecco cosa bisogna fare

Reddito di cittadinanza, perché il pagamento di ottobre 2019 è a rischio (e cosa fare)

Reddito di cittadinanza, il pagamento del mese di ottobre potrebbe essere a rischio per alcuni. La "novità", annunciata con una circolare dall'Inps, interessa migliaia di beneficiari del sussidio voluto dal Movimento 5 stelle e anche i percettori della pensione di cittadinanza. Facciamo chiarezza. Il pagamento del reddito di cittadinanza di ottobre è a rischio per chi ha presentato la domanda nel mese di marzo (dal 6 marzo al 2 aprile, per la precisione) e non provvede ad integrarla entro il prossimo lunedì 21 ottobre.

Reddito di cittadinanza, perché il pagamento di ottobre 2019 è a rischio (e cosa fare)

L'avviso, come detto, arriva dall'Inps: su una specifica pagina del sito dell'istituto (il link è qui sotto), a partire da venerdì 4 ottobre si potrà presentare la documentazione aggiuntiva. Se non si provvede entro il 21 di questo mese, la mensilità di ottobre non verrà erogata e la prestazione resterà sospesa fino all'acquisizione della dichiarazione integrativa.

Reddito di cittadinanza, il link al sito Inps per integrare la domanda

L'integrazione è necessaria perché le prime domande per il reddito di cittadinanza sono state presentate, a partire dal 6 marzo scorso, con un modello poi cambiato dal 2 aprile a seguito delle modifiche introdotte dalla legge di conversione nel decreto originario istitutivo del sussidio. La stessa legge prevedeva una salvaguardia di sei mesi e dunque il reddito - in questi casi - è stato pagato fino a settembre. Ora però verrà meno in assenza dell'adempimento previsto. In altre parole, il rischio di ritardi nel pagamento del reddito e della pensione di cittadinanza di ottobre 2019 è una sorta di "intoppo tecnico" dovuto alle modifiche introdotte nel corso della conversione in legge del DL n. 4/2019, che ha portato alla necessità da parte dell'Inps di aggiornare il modulo di domanda.

Reddito di cittadinanza, chi deve fare l'integrazione della domanda 

Attenzione: non va fatta nessuna nuova domanda per mantenere l'erogazione del beneficio, ma una semplice integrazione delle dichiarazioni di responsabilità presentate in domanda prendendo anche atto delle informative aggiornate. I nuclei familiari interessati sono stati avvisati dall'Inps tramite sms o email indicati nella domanda. Ora potranno quindi integrare le dichiarazioni di responsabilità e prendere atto delle informative aggiornate, collegandosi al link per il quale non è richiesto il PIN. L'istituto specifica che il richiedente dovrà inserire:

  • il protocollo della pratica Rdc/Pdc (esempio: INPS-RDC-2019-xxxxx);
  • il codice fiscale;
  • il codice alfanumerico ricevuto via mail/sms.

Reddito di cittadinanza per "invisibili": cosa prevede il progetto di Inps e governo

Reddito di cittadinanza ANSA (2)-2-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di martedì 15 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento