Sciopero aereo differito per il coronavirus: i voli saranno regolari

Lo sciopero trasporto aereo previsto per martedì 25 febbraio è stato differito a data da destinarsi: i voli saranno regolari

Foto di repertorio

Sciopero aereo 25 febbraio 2020: tutto rimandato. La protesta di 24 ore proclamata dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo, è stata differita a data da destinarsi dopo i recenti aggiornamenti sulla diffusione del nuovo cornavirus in Italia. Pertando, nella giornata di martedì 25 febbraio 2020, i voli saranno regolari.

La Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, preso atto dello stato di emergenza sanitaria proclamato sul territorio nazionale, rivolge un fermo invito a tutte le organizzazioni sindacali ed alle associazioni professionali affinché non vengano effettuate astensioni collettive dal 25 febbraio al 31 marzo 2020, al fine di evitare ulteriore aggravio alle Istituzioni coinvolte nell'attività di prevenzione e contenimento della diffusione del virus. Lo comunica il garante in una nota. La Commissione monitorerà lo sviluppo di tale emergenza, riservandosi eventuali e successivi interventi in merito.

Ad annunciare lo sciopero, adesso rimandato, erano stati i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo in concomitanza con il fallimento della compagnia aerea Air Italy e le perduranti difficoltà della vicenda Alitalia. Sul fascicolo della compagnia di bandiera le incognite sono legate alla scadenza del 31 maggio prossimo, data entro la quale la compagnia - secondo l'ultimo decreto approvato - deve restituire il nuovo prestito da 400 milioni concesso dal governo. Una deadline che viene dato al commissario Giuseppe Leogrande per espletare la procedura di cessione della compagnia.

Sciopero aereo 25 febbraio, le motivazioni

"Da ormai troppo tempo le organizzazioni sindacali - si legge nella nota- richiedono inascoltate un tavolo di lavoro ministeriale ed una cabina di regia che abbia la finalità di riscrivere le regole del Settore. Riteniamo infatti e lo abbiamo più volte sostenuto in ogni momento istituzionale di confronto che l'obiettivo principale ed ineludibile sia quello di porre fine alle cause ed agli effetti delle azioni di dumping industriale e contrattuale che hanno generato inaccettabili asimmetrie competitive".

Una prima azione di sciopero nazionale di quattro ore era stata proclamata lo scorso 26 luglio 2019, e una seconda azione di sciopero il 25 novembre 2019. Sono stati effettuati, inoltre, scioperi di numerose aziende del settore il 13 dicembre 2019 ed il 14 gennaio 2020 generati della grave crisi che imperversa nel settore del trasporto aereo e dal proliferare di situazioni di pesante crisi industriali, in alcuni casi della stessa impresa, più volte nel tempo, come nella vicenda Alitalia ed Air Italy.

"L'assenza di una concreta legislazione nazionale di sostegno del settore e di contrasto al dumping contrattuale, ma anche le politiche di incentivi messe in campo in maniera non ordinata, la crisi delle imprese e dell'occupazione, il deterioramento costante della qualità dell'offerta commerciale e della qualità del lavoro, e delle relazioni industriali, dovuto all'apertura dei processi di liberalizzazione senza regole per il lavoro - sottolineano i sindacati-, hanno consentito l'abbassamento incontrollato delle tariffe; tutto questo ha complessivamente determinato la degenerazione complessiva del settore".

Secondo i sindacati, "permangono tutte le problematiche che hanno determinato la crisi della principale Compagnia italiana, ovvero il gruppo Alitalia in A.S. e nulla lascia presagire, al di là delle dichiarazioni di intenti, che essa si chiuda senza impatto sul fronte del lavoro, in termini di esuberi di lavoratori e lavoratrici e di tagli al costo del lavoro, sia dei dipendenti diretti della Compagnia che delle Imprese dell'indotto che le scriventi ribadiscono ancora una volta di non voler minimamente accettare". In particolare la società Alitalia, giova ricordarlo, ha attualmente già in Cigs un totale di 1.075 lavoratori del personale di terra e di volo oltre ad una serie di criticità non risolte legate al costo del lavoro del personale di terra e di volo, che pesano da anni sui lavoratori ed aggravano un quadro già altamente critico in termini di incertezza rispetto al futuro aziendale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo contesto, altamente destabilizzante, sottolineano i sindacati, "si inserisce il provvedimento del Governo contenuto nel Decreto-Legge 28 gennaio 2019, n. 4, allorché all'articolo 26, relativo al Fondo di Solidarietà del Trasporto Aereo, si riduce nel tempo e nella quantità economica la destinazione delle addizionali comunali dei diritti di imbarco verso il Fondo, l'unico strumento che è stato in grado, in questi anni, di sostenere i lavoratori e le lavoratrici nelle frequenti espulsioni, sia in termini di reddito, funzionando come ammortizzatore sociale, che di unico sostegno nei casi di veri e propri licenziamenti, derivati dalle continue crisi delle imprese del settore". Il fondo di solidarietà del trasporto aereo è dal 1 gennaio 2020 privo del finanziamento derivante dalle addizionali comunali sui diritti di imbarco e quindi incapiente per erogare, le prestazioni di sostegno al reddito previste già per l'anno in corso 2020, nonché a maggior ragione, in prospettiva di un altro possibile pesante aggravamento della crisi del settore. "Tutte le nostre richieste sono rimaste inascoltate", rilevano i sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento