Scioperi, il garante chiede la revoca dello stop dei benzinai

Il Garante ribadisce il fermo invito a tutte le organizzazioni sindacali a non effettuare scioperi che coinvolgano i servizi pubblici essenziali fino al 30 marzo

I gestori dei distributori di benzina devono revocare subito lo sciopero proclamato dal 25 marzo. Lo afferma il Garante degli scioperi "dopo aver appreso a mezzo stampa di una chiusura degli impianti di distribuzione carburante a decorrere da domani, 25 marzo, proclamata dalle segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc Anisa Confcommercio".

"La commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero invita le organizzazioni sindacali a revocare immediatamente l'astensione, dandone tempestiva comunicazione anche alla commissione. Resta fermo che la commissione accerterà, in seguito all'eventuale apertura del procedimento di valutazione, ogni altra violazione che dovesse emergere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Garante "ribadisce il fermo invito a tutte le organizzazioni sindacali, fino al 30 marzo, considerato lo stato di emergenza epidemiologica dichiarato sul territorio nazionale, dovuto al diffondersi del coronavirus, a non effettuare scioperi che coinvolgano i servizi pubblici essenziali, dal momento che essi non farebbero altro che aggravare la condizione dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Amedeo Minghi ricoverato: "Avervi accanto è importante" (VIDEO)

  • Coronavirus, anziani restano senza acqua: la figlia chiama il 112 dalla Germania

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

Torna su
Today è in caricamento