Italia prima in Europa per crescita di spese militari: in armi e soldati oltre 1,5% del Pil

Le spese militari dell’Italia sono cresciute dell’11 per cento nel 2016: lo riferisce l’ultimo rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute che evidenzia come sia proprio l'Italia il paese che registra il più forte aumento d’Europa occidentale

Le spese militari dell’Italia sono cresciute dell’11 per cento fra il 2015 e il 2016. Lo riferisce l’ultimo rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute (Sipri), secondo cui le spese militari dei paesi dell’Europa occidentale sono cresciute per il secondo anno consecutivo nel 2016, sulla base di crescenti percezioni di minaccia (soprattutto dei Paesi delle regioni centrali nei confronti della Russia), fino a toccare la cifra dei 334 miliardi di dollari

Proprio in Italia si registra il più forte aumento delle spese militari d’Europa occidentale: i dati diffusi dall’istituto SIPRI mostrano un aumento (in termini di trends reali) di oltre il 10 per cento della spesa per le forze armate nel nostro paese nel 2016 rispetto al 2015, a fronte di aumenti del 3 per cento in Germania e dello 0,6/0,7 per cento in Francia e Gran Bretagna. Un incremento maggiore anche rispetto a Stati Uniti (+1,7 per cento), Russia (+5,9 per cento) e Cina (+5,4 per cento).

Secondo l’istituto svedese l'Italia ha un rapporto spese militari/PIL superiore all’1,5 per cento, con una tendenza in crescita anche per il 2017, come mostrano i bilanci previsionali del Ministero della Difesa.

In termini di cifre, il SIPRI calcola per il 2016 una spesa militare italiana che superi i 25 milioni di euro. I dati dell'istituto svedese tengono conto sia delle spese in armamenti, delle missioni militari all’estero, del costo dei Carabinieri e delle pensioni del personale militare a riposo a carico dell’INPS. 

Missioni ma anche gommoni e divise per gli alleati: ecco quanto e come ha speso l'Italia nel 2016

missioni italia mappa-2

Quanto si spende nel mondo in armi

La spesa totale militare mondiale è salita a 1686 miliardi di dollari nel 2016, una giro di denaro che rappresenta il 2,2 per cento del Pil mondiale, con un impatto maggiore in Medio Oriente. Se gli Stati Uniti, con una crescita dell'1,7 per cento registrano il primo aumento dal 2010 e rimangono il paese con le spese militari più elevate a livello annuale al mondo, la Cina toccando i 215 miliardi, è seconda con un aumento del 5,4 per cento. La Russia ha aumentato la sua spesa del 5,9 per cento nel 2016 a 69,2 miliardi di dollari, rendendolo il terzo più grande spender.

Gli effetti della madre di tutte le bombe sganciata sull'Afghanistan

moab afghanistan-2

Le spese dell'Arabia Saudita sono diminuite del 30 per cento nel 2016 a 63,7 miliardi di dollari, nonostante il continuo coinvolgimento nelle guerre regionali. Quinto posto per l'India con una spesa militare in crescita dell'8,5 per cento nel 2016.

In Africa per il secondo anno consecutivo si assiste ad una contrazzione delle spese militari dell'1,3% dopo un trend di crescita durato undici anni. I principali cali relativi al 2016, invece, riguardano i paesi esportatori di greggio, colpiti dal ribasso delle entrate petrolifere: "Il calo delle entrate e i problemi economici associati all'accordo di prezzi petroliferi hanno costretto molti Paesi esportatori di petrolio a ridurre le spese militari - afferma il dottor Nan Tian, ​​ricercatore del programma SIPRI AMEX - Ad esempio, tra il 2015 e il 2016 l'Arabia Saudita ha avuto la più grande riduzione assoluta della spesa di 25,8 miliardi di dollari".

I maggiori tagli sulle spese militari nel 2016 riguardavano il calo dei ricavi nazionali del petrolio in Venezuela (-56 per cento), Sud Sudan (-54 per cento), Azerbaigian (-36 per cento), Iraq (-36 per cento) e Saudita Arabia (-30 per cento). Altre importanti diminuzioni sono state osservate in Angola, Ecuador, Kazakistan, Messico, Oman e Perù. Solo 2 dei 15 paesi con le maggiori cifre di spesa nel 2016 non sono esportatori di petrolio.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Loredana Bertè: "Abbiamo nascosto in soffitta Mimì per un anno"

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: i numeri di sabato 7 dicembre 2019

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

Torna su
Today è in caricamento