Pagamento dello stipendio solo in banca o alle Poste: ecco cosa cambia con la nuova legge

La firma della busta paga non costituirà più una prova dell’avvenuto pagamento: ecco tutte le novità introdotte da un nuovo disegno di legge

Gli stipendi saranno versati solo in banca o alle Poste e la firma sulla busta paga non costituirà più una prova dell'avvenuto pagamento. Sono le principali novità introdotte dal disegno di legge recante "disposizioni in materia di modalità di pagamento delle retribuzioni ai lavoratori" che questa settimana è all'esame della commissione Lavoro della Camera in sede referente.

Come riporta Studiocataldi.it, la ratio del provvedimento che vede come prima firmataria la democratica Titti Di Salvo e relatrice Valentina Paris (Pd), è quella di offrire una soluzione a un problema che colpisce moltissimi lavoratori italiani. "È infatti noto – si legge nella relazione al testo di legge - che alcuni datori di lavoro, sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione, corrispondono ai lavoratori una retribuzione inferiore ai minimi fissati dalla contrattazione collettiva, pur facendo firmare al lavoratore, molto spesso, una busta paga dalla quale risulta una retribuzione regolare".

Vediamo in sintesi i punti cardine e le novità introdotte dal nuovo disegno di legge.

STIPENDI IN BANCA O ALLE POSTE: SCEGLIE IL LAVORATORE - Il provvedimento che si compone di 5 articoli introduce un semplice meccanismo che consiste nel rendere obbligatorio il pagamento delle retribuzioni ai lavoratori (nonché ogni anticipo), attraverso gli istituti bancari o gli uffici postali. La scelta del sistema di pagamento è rimessa direttamente al lavoratore, il quale potrà optare per l'accredito diretto sul proprio conto corrente, per l'emissione di un assegno (consegnato direttamente al lavoratore o in caso di comprovato impedimento a un suo delegato) oppure per il pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale. Viene vietato in sostanza ai datori di lavoro il pagamento della retribuzione a mezzo di assegni o contante qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato. Si stabilisce, inoltre, che la firma della busta paga non costituisce prova dell'avvenuto pagamento della retribuzione.

QUALI SONO GLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO: CONTINUA

Potrebbe interessarti

  • Falsi amici: 7 alimenti che pensi facciano dimagrire ma che invece fanno ingrassare

  • Come fare la valigia perfetta

  • I rimedi per liberarsi dei ragnetti rossi

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 17 agosto 2019: numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi martedì 20 agosto 2019: numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 19 al 25 agosto 2019

  • Virginia, figlia di Paola Ferrari, è tale e quale a mamma: la prima foto su Instagram

  • Temptation Island Vip 2019: data, coppie, conduttore e tutte le anticipazioni

  • Reddito di cittadinanza, lavora (in nero) con uno stipendio di 1.220 euro e prende il sussidio

Torna su
Today è in caricamento