Taglio Irpef e flat tax 'estesa': la ricetta economica della Lega

Il gruppo economico della Lega ha intenzione di presentare due proposte da inserire nella prossima legge di Bilancio: ecco quali sono

Foto di repertorio

Il gruppo economico della Lega, di cui fanno par anche Massimo Garavaglia, Armando Siri e Massimo Bitonci, ha messo a punto alcune proposte da inserire nella prossima legge di Bilancio. In particolare si parla di un taglio sull'Irpef per il primo scaglione e di una flat tax più estesa.

Il taglio Irpef

La prima proposta degli economisti del Carroccio dovrebbe prevedere il taglio di un punto sull'Irpef per il primo scaglione di reddito, che quindi riguarderebbe i lavoratori che percepiscono fino a 15mila euro all'anno. Il taglio dal 23% al 22% verrebbe applicata anche alla prima parte dei redditi più alti, in modo da agevolare una grossa fetta di famiglie.

Flat tax più estesa

La seconda dei leghisti idea riguarda la flat tax, uno dei cavalli di battaglia di Salvini durante la campagna elettorale. In particolare la Lega vorrebbe agire sulla flat tax per i lavoratori autonomi, estendendo il forfait al 15% fino a un tetto di 65.000 euro di ricavi, facendo salire la tassazione al 20% sulla parte di ricavi eccedente fino alla soglia 100.000 euro.

Flat tax, il tempo stringe: che cosa succederà davvero nel 2019

Quanto potrebbe costare questa 'mossa'? Secondo le prime stime si parla di circa 1,5 miliardi di euro. Durante la giornata di martedì 11 settembre queste proposte verranno discusse anche con il vicepremier Salvini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento