Fisco, sugli immobili serve la "local tax"

Possono essere introdotte subito alcune misure specifiche destinate ad attenuare l'imposizione locale: lo chiede con forza Confcommercio-Imprese per l'Italia. Il gettito dei tributi che gravano sul settore immobiliare in Italia è stimato in oltre 50 miliardi di euro

Il settore immobiliare in Italia è gravato da un macigno fiscale, soprattutto di tipo patrimoniale, che colpisce tutte le tipologie di immobili. Molti sperano in una consistente riduzione della pressione fiscale generale, ma intanto possono essere introdotte alcune misure specifiche destinate almeno ad attenuare l'imposizione locale. È quel che chiede con forza Confcommercio-Imprese per l'Italia.

Tasse sugli immobili in Italia

"Il gettito dei tributi che gravano sul settore immobiliare in Italia è stimato in oltre 50 miliardi di euro - afferma Vincenzo De Luca, responsabile fiscale di Confcommercio-Imprese per l'Italia -  Di questi oltre 9 miliardi di euro provengono dai tributi di natura reddituale (IRPEF, IRES, cedolare secca), 22 miliardi dai tributi di natura patrimoniale (IMU e TASI), 9 miliardi dai tributi indiretti sui trasferimenti (Iva, imposta di registro, imposta di bollo, imposte ipotecarie e catastali, imposta sulle successioni e donazioni), 1 miliardo dai tributi indiretti sulle locazioni (imposta di registro, imposta di bollo), oltre 9 miliardi da altri tributi (tassa sui rifiuti, tributo provinciale per l'ambiente, contributi ai consorzi di bonifica, eccetera)".

Assumi un disoccupato del posto? Il Comune ti fa pagare meno tasse

Tra queste cifre spicca la tassazione patrimoniale che, con IMU e TASI - nonostante l'eliminazione dell'imposizione sulla "prima casa" - rappresenta un carico fiscale di quasi il 150% più alto rispetto a quello che era dato dall'ICI, in vigore fino al 2011. Il settore immobiliare nel nostro Paese è, pertanto, gravato da un macigno fiscale, soprattutto di tipo patrimoniale, che colpisce tutte le tipologie di immobili: quelli locati (abitazioni, negozi, uffici), quelli che non si riescono neppure ad affittare, le case di villeggiatura, quelle ereditate e lasciate deperire per mancanza di risorse. 

"Un macigno con conseguenze disastrose"

Tutto ciò, dicono da Confcommercio - "continua a determinare conseguenze disastrose per l'intera economia del nostro Paese che impoverisce le famiglie, comprime i consumi, deprime il Pil, condiziona l'occupazione, strozza il commercio, impedisce l'accesso all'abitazione da parte dei soggetti più deboli. In questo scenario - pur consapevoli che occorra una consistente riduzione della pressione fiscale generale sugli immobili - potrebbero essere introdotte alcune misure specifiche destinate almeno ad attenuare l'imposizione locale sugli immobili. E questo obiettivo potrebbe essere raggiunto introducendo nel nostro sistema fiscale un'unica vera imposta comunale sugli immobili - la "local tax", che includa tutti gli attuali tributi locali e che sia totalmente deducibile per gli immobili strumentali delle imprese (attualmente, su questa tipologia di immobili, l'IMU è deducibile dalla imposte sui redditi nella misura del 20%, mentre gli altri tributi locali sono deducibili per il 100%).

Gli italiani pagano più tasse rispetto al 2017

Come ha ribadito il presidente di Confcocmmercio Carlo Sangalli nella sua Relazione all'Assemblea annuale, lo scorso 7 giugno, "non è possibile che contro le nostre imprese, per recuperare un'immagine calcistica, ci sia anche il pressing serrato delle tasse locali, dove il tridente d'attacco è: IMU-TASI-TARI. Si metta mano, dunque, anche alla tassazione locale, con una local tax, unica, certa e semplice.". 

Ipotesi local tax

In particolare, la "local tax" dovrebbe accorpare in un'unica imposta comunale l'IMU, la TASI, la TARI, l'imposta di pubblicità, la TOSAP (la tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche). L'obiettivo della "local tax" non deve essere, però, solo quello di semplificare l'attuale sistema di tassazione comunale ma anche quello di ridurre la tassazione sugli immobili attraverso una sostanziale riduzione delle aliquote d'imposta. Per una più equa tassazione sugli immobili, inoltre, è necessaria una riforma del Catasto, attesa nel nostro Paese da ormai troppo tempo. L'iniquità del prelievo sul patrimonio immobiliare (tra diverse aree territoriali, tra diverse zone delle aree urbane, tra diverse tipologie di immobili) è legata, infatti, ad una base imponibile ormai vetusta. La rendita catastale - che costituisce la base imponibile per la determinazione delle imposte che riguardano la proprietà immobiliare - dovrebbe, infatti, essere il più vicino possibile all'effettivo valore dell'immobile. 

Italiani chiamati a pagare tasse per 53,3 miliardi a giugno

"E' da queste basi che si deve partire per una graduale ed effettiva riduzione del prelievo immobiliare nel nostro Paese" conclude Confcommercio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Il portafoglio elettorale: perché le tasse saranno la chiave delle Europee

  • Economia

    Bollette a 28 giorni, perché c'è speranza per i rimborsi

  • Mondo

    Liberato Alessandro Sandrini: era stato rapito nel 2016

  • Economia

    Bollette gas e luce, tra costi nascosti e tasse le italiane tra le più care d'Europa

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Elezioni europee 2019: le liste e i programmi

  • Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

Torna su
Today è in caricamento