Viktorija Mihajlovic: “Quando ho saputo della leucemia di mio padre ho perso il controllo”

Ospite del programma 'Vieni da me' la primogenita dell'allenatore del Bologna ha ripercorso i momenti drammatici della scoperta della malattia del padre

Viktorija Mihajlovic a Vieni da me

Viktorija Mihajlovic ha raccontato a ‘Vieni da me’ uno dei momenti più difficili della vita sua e di quella dell’intera famiglia, drammaticamente segnata dalla scoperta della leucemia del padre Sinisa che da mesi sta affrontando con coraggio. “Il 12 luglio dello scorso anno, mentre io ed i miei fratelli eravamo in Sardegna con mia madre, mio padre chiamò per dirci che aveva un po’ di febbre e non sarebbe andato in ritiro con la squadra. Ci sembrò subito strano perché non era da lui, ma non ci aspettavamo quello che poi avremmo scoperto”, ha ricordato la primogenita dell’allenatore del Bologna nell’intervista a Caterina Balivo.

La terribile notizia della malattia è arrivata come un pugno nello stomaco: “Una sera chiamò mia madre e le disse che dalle analisi aveva saputo di essere malato di leucemia”, ha spiegato Viktorjia, “Lei lo disse subito a mia sorella minore, che per certe cose è più lucida di me, ma la loro preoccupazione era come avrei reagito io che da sempre ho paura degli ospedali e il terrore che i miei genitori potessero ammalarsi. Quando me lo dissero persi il controllo: ero molto arrabbiata, non sapevo con chi prendermela, non volevo che i miei fratelli provassero lo stesso dolore che stavo vivendo io”. Per la 22enne non è stato semplice dover fare i conti con una realtà tanto spietata, ma a darle la forza è stato proprio lui, papà Sinisa: “Non ero pronta, non ero documentata sulla malattia, poi mi chiamò lui, e con il suo modo calmo che ha di spiegarmi le cose, paradossalmente fu lui a tranquillizzare me”.

Viktorija Mihajlovic, l'incontro con il padre dopo il primo ciclo di cure

Il tecnico serbo rivelò di avere la leucemia durante una conferenza stampa lo scorso 13 luglio, una data che Viktorija ricorderà per sempre: “Il giorno in cui annunciò in conferenza di essere malato, spensi il telefono” ha spiegato la figlia dell’allenatore del Bologna, “e mentre mia madre e mia sorella lo raggiunsero a Bologna, io rimasi in Sardegna a badare ai miei fratelli: è stato in quel momento che sono riuscita a reagire”. Viktorija ha poi raccontato a Caterina Balivo l’incontro con il padre dopo il primo ciclo di cure: “Ho rivisto mio papà solo dopo 41 giorni e non dimenticherò mai quel momento: l’ho visto arrivare con un’andatura incerta, era dimagrito 10/12 kg, senza capelli, con la mascherina. Non volevo che lui mi vedesse stare tanto male, inizialmente non parlavo perché sapevo che avrei pianto. Mi sono lasciata andare solo quando è tornato in camera”, ha detto commossa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Frontale devastante tra due moto: centauro muore sul colpo

Torna su
Today è in caricamento