Dalle alghe nasce il biodiesel, mischiato con il gasolio dimezza i costi

In Italia, a Modena, viene prodotto dalla Teregroup, già da un anno. Ora la scoperta che potrebbe cambiare per sempre il mondo dei motori: consumi e emissioni dimezzate rispetto al diesel se usato come additivo, basta il 20% del prodotto

L'impianto dove si produce biodiesel a Modena

Il diesel inquina tanto ed è per questo che in Europa si discute di introdurre il divieto di utilizzo di questo carburante. Dopo lo scandalo che ha coinvolto la Volskwagen, e che poi si è allargato anche ad altre case automobilistiche, è emerso che molte auto con un motore diesel inquinano ancora più di quanto dichiarato. Quello che invece non è noto a tutti è che l'anternativa green c'è: aggiungendo delle 'alghe' al diesel la produzione di anidride carbonica si riduce notevolmente e si riducono i costi energetici. In Italia c'è un'azienda che ha brevettato la tecnologia in grado di rendere questo processo chimico possibile, la modenese Teregroup che già l'anno scorso ha realizzato il primo impianto pilota in grado di produrre biodiesel, il Polo dell'Alga Combustibile Algamoil. Teregroup è la prima azienda in Europa ad aver testato su vetture standard questo biodiesel che deriva dalle alghe e i risultati sono stati sorprendenti: i motori non subiscono nessun danno. Le ricerche condotte, fa sapere adesso l'azienda, hanno portato ad un'altra importante scoperta: non serve sostituire il diesel con il biodiesel per ridurre l'inquinamento ma basta mischiarlo: i test effettuati presso l’Università di Modena Dipartimento Enzo Ferrari dicono infatti che con una miscela di gasolio minerale all’80% e di biodiesel Algamoil al 20% si riducono le emissioni di particolato di quasi il 50% e si abbattono anche i costi.

Di biodiesel si parla da un po' e ne esistono di diverse tipologie. Anche la casa automobilista tedesca Audi sta lavorando ad un suo progetto, l'e-gasoline che da acqua e aria da vita al diesel rinnovabile usufruisce dell'aiuto di elettricità proveniente da fonti rinnovabili. Ecco come funziona

Cos'è e come nasce il biodiesel. E' un combustibile ecologico di derivazione naturale. Per la sua produzione vengono utilizzati oli vegetali estratti da alghe, dai semi di colza, di girasole e di soia provenienti da filiere prevalentemente europee. Gli oli trattati, danno luogo ad un combustibile di elevata qualità e di basso livello inquinante. La caratteristica saliente del Biodiesel è di avere proprietà chimico fisiche simili a quelle del gasolio, di cui è un ottimo sostituto sia in forma pura che in miscela con il gasolio stesso. In forma pura può sostituire il gasolio per il riscaldamento mentre in miscela può essere utilizzato in autotrazione nei motori diesel. Attualmente rappresenta l’unica possibilità di sostituzione del gasolio con combustibili rinnovabili.

I VANTAGGI DEL BIODIESEL: migliora la combustione grazie alla presenza dell’11% di ossigeno nella molecola; assicura una riduzione del particolato fine (PM10) in percentuali comprese tra il 20% ed il 60%; è completamente biodegradabile; non contiene zolfo; può essere usato come additivo del gasolio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 16 Gennaio 2020

Torna su
Today è in caricamento