Il ponte sullo Stretto dell'energia è pronto, tagli in bolletta per 600 mln

L'opera, in parte sottomarina, è stata realizzata da Terna e collega Calabria e Sicilia. Verrà inaugurata dal premier Renzi sabato. Ridurrà i rischi di black-out. Innumerevoli i benefici ambientali

Domani il premier Matteo Renzi volerà in Sicilia per inaugurare il Ponte sullo Stretto energetico. Il collegamento 'Sorgente-Rizziconi', realizzato da Terna, sarà operativo dal 28 maggio e permetterà di tagliare i costi in bolletta: "600 milioni di euro l’anno in meno sulla bolletta, 170 km di vecchi elettrodotti eliminati, 700 megawatt di energia pulita in più, 38 km sotto lo Stretto di Messina (su 105 km), record mondiale di lunghezza per cavi a corrente alternata", questi, a detta di Terna, i numeri della nuova linea elettrica che collega le stazioni di Sorgente (ME) e Rizziconi (RC). 

ECCO PERCHE' RISPARMIEREMO COSI' TANTO. Con la “Sorgente-Rizziconi” non vi sarà più il differenziale di prezzo del 40% oggi esistente tra la Sicilia e il continente, che determina per la collettività un maggior costo in bolletta di 600 milioni di euro l’anno. Inoltre, si ridurranno i rischi di blackout sull'isola e aumenterà la sicurezza, l’efficienza e la qualità del servizio elettrico in tutta l’area. Non meno importanti i benefici ambientali. L’opera consentirà di utilizzare produzione rinnovabile, soprattutto eolico e fotovoltaico, per oltre 700 MW, e renderà più efficiente la gestione dei flussi delle centrali presenti nel Sud Italia. Il collegamento “Sorgente-Rizziconi” significa anche minori emissioni di CO2 in atmosfera per 670 mila tonnellate l’anno e una consistente opera di bonifica della rete elettrica nelle province di Messina e Reggio Calabria: verranno infatti dismessi oltre 170 km di linee elettriche obsolete (87 km in Sicilia e 85 km in Calabria) per 540 vecchi tralicci, riducendo in modo significativo l’impatto ambientale nei territori coinvolti. Ciò comporterà anche un recupero di materiale (acciaio, alluminio, vetro, calcestruzzo) per circa 2.500 tonnellate, pari al peso di circa 10 Statue della Libertà, e di territorio per circa 264 ettari, pari a circa 350 campi da calcio. Inoltre, per gran parte del tratto aereo, l’elettrodotto sarà realizzato con pali “monostelo”, innovativi sostegni tubolari ad alta tecnologia con impatto visivo ridotto e ingombro al suolo inferiore di 25 volte quello dei tralicci tradizionali troncopiramidali.

IL PROGETTO, UNICO. Si compone di sei cavi sottomarini, i più lunghi del mondo, ben 38 chilometri. Collegheranno Favazzina, sulla costa calabrese, con la stazione elettrica di Scilla posta a oltre 600 metri sul livello del mare: un progetto unico al mondo per complessità ingegneristica ed elettrica. L'opera è costata 700 milioni  di euro. I lavori si sarebbero dovuti concludere tempo fa ma sono stati rallentati dalle proteste degli ambientalisti che hanno portato poi a dei ricorsi amministrativi conclusosi con la piena assoluzione da parte dei giudici nei confronti di Terna: la procedura seguita dall'azienda per ottenere dal ministro dello Sviluppo economico nel 2010 l’autorizzazione unica a procedere, è stata correttezza. 

Sorgente-Rizziconi-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi martedì 10 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • "Salvini deve andare a fare in c***": sconcerto in tv su La7

  • Michelle Hunziker, il gesto 'contro' Marica Pellegrinelli dopo l'addio a Ramazzotti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 12 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Sondaggi, sorpresa sul podio: chi sale e chi scende tra Lega, Pd e M5s

Torna su
Today è in caricamento