menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Smog, ecco il piano del governo: limiti di velocità e riscaldamenti giù

Il ministro Galletti presenta il patto anti-inquinamento: "Limiti di velocità abbassati di 20 km/h in città, nelle case temperature giù di due gradi e bus gratis". Fondi per le iniziative dei Comuni sul trasporto pubblico locale e la mobilità condivisa

ROMA - Limiti al riscaldamento di due gradi negli edifici pubblici e privati; abbassamento dei limiti di velocità di 20 km/h nelle aree urbane (estese a tutto il territorio comunale); sostegno ai comuni per l'incentivo e gli sconti all'utilizzo del trasporto pubblico locale; limite all'utilizzo della biomassa per uso civile dove siano presenti sistemi alternativi di riscaldamento.

Sono gli "adempimenti" previsti dal protocollo, scaturito dal vertice al ministero dell'Ambiente sull'emergenza smog, che i sindaci potranno adottare dopo sette giorni di sforamento consecutivi dei limiti di pm10 nell'aria. "I sindaci sono i titolari e potranno mettere in campo queste azioni, ma io come governo invito fortemente e auspico che lo facciano", ha detto il ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti, ricordando che "in Italia non siamo all'anno zero, ma dalle manovre fatte negli ultimi anni da Regioni, Comuni e governo la situazione è molto migliorata in termini di Co2 e pm10. Questo risultato ci deve spingere fare molto altro".

Il piano prevede inoltre un fondo da 12 milioni di euro reso subito disponibile da parte del Ministero per le iniziative dei Comuni sul trasporto pubblico locale e la mobilità condivisa. A Milano, nonostante il terzo giorno di divieto di circolazione, i livelli di Pm10 sono rimasti sopra i limiti di legge e in alcuni casi sono saliti rispetto ai livelli registrati prima del blocco.

Ieri, secondo giorno di stop alle auto, il Pm10 rilevato dalla centralina Pascal, zona città studi, era pari a 81 microgrammi al metro cubo contro i 67 del giorno prima. In peggioramento anche la situazione in centro, secondo quanto risulta dal bollettino dell'Arpa Lombardia: la centralina Senato ha registrato 83 mcg al m3 contro i 66 del giorno precedente mentre al Verziere si è passati da 60 a 75 mcg al m3. Il bilancio dei tre giorni è stato di 4.850 controlli e 850 multe staccate dai vigili.
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Gossip

      Lutto per Mara Venier, è morto l'ex marito

    • Cronaca

      Attenti alla pianta velenosa: "Si trova anche nei parchi italiani"

    • Citta

      Palermo, incidente in moto: morto l'operatore Rai che riprese la strage di Capaci

    • Gossip

      Diego Dalla Palma: "Una famosa conduttrice Rai rovinata dal botulino"

    Torna su