homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

Allerta smog, a Napoli scatta il blocco del traffico per sei giorni

Stop alle auto sull'intero territorio cittadino dalle 9.00 alle 17.00 del 2, 4, 5, 7 e 8 gennaio, e dalle 9.00 alle 12.00 del 3 gennaio. Prese disposizioni anche per i riscaldamenti. Tutte le informazioni

Ancora troppo alti i livelli di smog in città. Ai fini di una ulteriore azione di contrasto degli effetti nocivi delle polveri sottili - si legge in una nota dell'amministrazione comunale di Napoli - è stata emanata un’ordinanza sindacale che prevede "il divieto di circolazione veicolare sull’intero territorio cittadino dalle 9.00 alle 17.00 del 2, 4, 5, 7, e 8, gennaio, e dalle 9.00 alle 12.00 del 3 gennaio. Sono comprese nel divieto anche le autovetture con classe di emissione Euro 4".

"L'ordinanza prevede anche "fino al 6 gennaio la riduzione degli ambienti riscaldati a 18 gradi negli edifici civili e a 17 gradi negli edifici industriali. Inoltre la riduzione dell’orario di accensione del riscaldamento per un massimo di 9 ore". (da Napolitoday.it)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • L'unica soluzione sarebbe quella di salire sulla macchina del tempo e tornare al 1750 . Impedire l'industrializzazione ma, soprattutto, l'invenzione del motore a scoppio e lasciar che il petrolio ( conosciuto sin dai tempi di Roma) serva solo per accendere lampade. Ma chi mai aspirerebbe ad una tal soluzione.Se non altro per la perdita delle comodita', delle conquiste tecnologiche e sanitarie , del dover raggiungere il nuovo mondo in un mese anziche' in 6 ore, e la riduzione dell'aspettativa di vita di almeno 20 anni. E sono solo 4/5 delle migliaia di motivi per cui non ci pensiamo nemmeno. In realta', piu' che la diminuizione dell'aspettativa di vita, stiamo rischiando l'estinzione. Quindi, se le cosidette energie pulite non sono una leggenda, sarebbe ora di tirarle fuori giacche' non solo l'aria ma anche l'acqua, il cibo...................insomma, non e' detto che la selezione naturale ci salvi anche questa volta......... Detto fra noi, non lo meritiamo nemmeno .

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rabbia e proteste, i funerali tornano ad Amatrice: "Restiamo qui per le vittime"

  • Cronaca

    Ricostruzione, Renzi avverte l'Europa: "Quel che serve lo prendiamo"

  • Cronaca

    Terremoto Norcia: video esclusivo di una casa distrutta dal sisma

  • Video

    La casa di legno di sette piani che resiste ad una scossa 7.2

I più letti della settimana

  • L'ultimo regalo di Obama? La più grande riserva marina del mondo

  • In Trentino la prima casa e il primo asilo italiani a impatto zero 

  • Inquinamento, la plastica dal mare finisce nel piatto: è allarme anche per la salute

  • Mobilità elettrica, a Lampedusa la colonnina di ricarica più a Sud d'Italia

  • Lotta allo spreco alimentare, Beppe Grillo: "La legge non basta"

  • Autostrade per le biciclette, a che punto siamo in Europa

Torna su
Today è in caricamento