Minacce di morte a Bello Figo, salta il concerto di Capodanno

Il sindaco di un paese in provincia di Mantova ha cancellato la partecipazione del rapper a causa di gravi minacce ricevute

Il rapper Bello Figo

"Incendieremo il palazzetto con la gente dentro": questa è solo una delle tante minacce che da giorni compaiono sulla pagina ufficiale del concerto di Capodanno a Borgo Virgilio, in provincia di Mantova, al quale avrebbe dovuto partecipare Bello Figo. Il sindaco del paese, Alessandro Beduschi, ha deciso di annullare la presenza del rapper perché "troppo pericoloso".

La stessa cosa era successa qualche settimana fa a Brescia. Il controverso rapper, autore del tormentone "Non pago affitto", si è visto cancellare un concerto in programma per il 23 dicembre per motivi di sicurezza, dopo gravi minacce ricevute da parte degli organizzatori dell'evento. 

Tutto questo astio nei confronti di Bello Figo è nato dopo la lite in diretta tv con Alessandra Mussolini. "Vattene via, voi state qui e invece i nostri italiani sono in mezzo alla strada" aveva detto l'europarlamentare durante il programma "Dalla vostra parte", su Rete 4, scagliandosi contro il cantante 24enne, diventato popolare su Youtube per le canzoni in cui descrive la condizione degli immigrati in Italia. "Tramite le canzoni cerco di difendermi, sono delle provocazioni a chi non la pensa come me" aveva replicato Bello Figo, incalzato ancora dall'europarlamentare: "Uno che fa così è da prendere a calci perché è una provocazione ai cittadini italiani".