Claudio Lippi, la confessione choc: "Ecco perché sono finito in ospedale"

Il conduttore parla a Domenica Live: "Ho subito un tradimento che mi ha lasciato con una situazione finanziaria disastrosa. Non ho una casa, non ho nulla"

Claudio Lippi

"Non è stato il freddo, ma una serie di situazioni che si stanno accumulando da dieci anni, da quando ho subito un tradimento che mi ha lasciato con una situazione finanziaria disastrosa".

A 'Domenica Live' Claudio Lippi torna a parlare del malore che lo ha colpito la notte prima di Capodanno. Una confessione a cuore aperto quella di Lippi: "Grazie per tutte le testimonianze di affetto - ha detto - ho avuto un piccolo infarto nel 1983, il bypass nel 2001, ma stavolta mi sono proprio spaventato". 

"Diversi anni fa - ha aggiunto il conduttore - ho lasciato una trasmissione della domenica pomeriggio nella quale non mi sentivo adeguato. Da allora si è ridotta la continuità del lavoro. Si sono verificati dei fattori per cui non avevo più delle certezze da parte di chi ci dà la possibilità di lavorare".

Insomma, dietro il malore ci sarebbero stress e motivi economici. Lippi lo confessa senza mezze parole: 

"Molti operatori di questo ambiente ritengono che io abbia messo da parte capitali e immobili. Io non ho una casa, non ho barche, non ho niente e lo dico con tranquillità. La preoccupazione che ho da 10 anni è quella di molte persone che non hanno lavoro. Questo spettro di non poter continuare a vivere non nel lusso ma nella dignità ha creato una serie di problematiche"

Il conduttore ne ha sopratutto per il mondo dello spettacolo, "un ambiente di lupi, contare su un'amicizia è rarissimo, ci abbracciamo ma è un po' mors tua vita mea". 

"Tre anni fa ho avuto un lutto, è morto il figlio di mio fratello, che per me era come un figlio. Non cerco pietà - dice Lippi - ma il dolore se non lo scarichi mai ti danneggia". "Sono qui per dire che non mollo, ho ancora la voglia, e ovviamente il bisogno, di fare una grande televisione".