Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli attori italiani alzano la voce, insieme a Roma dopo il Covid: da Elena Sofia Ricci a Claudia Gerini

Mercoledì 24 giugno, agli Studios di via Tiburtina, la Prima Giornata Nazionale dei Lavoratori dello spettacolo. Non una protesta, ma una proposta per il futuro dopo che l'emergenza coronavirus ha messo in ginocchio il settore. Today ha raccolto le loro voci

 

Dalle dirette social al palcoscenico. Finalmente. Insieme. Il lungo lockdown non ha fermato la fame d'arte dei nostri attori, che si sono ritrovati mercoledì 24 giugno, a Roma, per far sentire la loro voce e manifestare affinché lo spettacolo non solo possa ripartire, ma possa anche ottenere il sostegno che merita.

La Prima Giornata Nazionale dei Lavoratori dello Spettacolo ha visto sfilare tantissimi volti del cinema, del teatro e della tv, che prima di andare in scena negli Studios di via Tiburtina - nell'assoluto rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza e salute - si sono fermati a parlare con i giornalisti, alzando il loro grido. "Siamo un gruppo che durante la quarantena ha ascoltato le voci di tanti lavoratori e ha riflettuto sul perché questa crisi l'abbiamo patita più degli altri - ha spiegato Elena Sofia Ricci, tra le prime convinte sostenitrici dell'evento - Questo settore era in crisi già prima della pandemia. Da anni sono pochi gli investimenti nella cultura. Negli ultimi 4 anni siamo quartultimi in Europa per investimenti e non è un posto degno per il nostro Paese. Questo nostro grido non è per qui e ora - ha detto ancora l'attrice - perché ora c'è un'emergenza, ma è per il futuro, è un progetto. Per questo che anche il Ministero della Cultura ha voluto patrocinare questo nostro grido, che è di speranza e non di protesta. Pensiamo che superata l'emergenza sia fortemente necessario capire quanto ci può arricchire l'arte e quanto ci ha arricchito in passato. Siamo il Paese forse più amato al mondo per questo, sarebbe il nostro petrolio la cultura, l'arte".

Insieme a Elena Sofia Ricci anche Paolo Genovese, Ferzan Ozpetek, Francesco Vicario, Paola Minaccioni, Vittoria Puccini, Francesca Chillemi, Tosca D'Aquino, Pino Quartullo, Massimo Ghini, Anna Foglietta, Matilde Gioli, Diana Del Bufalo e ancora Andrea Roncato, Irene Ferri, Ludovico Fremont, Stefano Fresi e Claudia Gerini. "Ci devono conoscere non solo il nostro valore culturale, ma anche i nostri diritti - ha detto a Today l'attrice romana - Finora siamo stati un po' trasparenti in questo senso. Con questa emergenza è nata l'esigenza di gridare chi siamo, perché non è molto chiaro in questo Paese".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento