giovedì, 24 aprile

Lilli Carati confessa: "Giravo i porno per pagarmi la droga"

L'ex pornostar torna sul set e coglie l'occasione per raccontare a Vanity il suo passato burrascoso. Spera di poter aiutare altre ragazze nelle sue condizioni

Veronica Carnebianca18 aprile 2013

Lilli Carati confessa solo ora a distanza di anni di aver girato film porno per pagarsi la droga. A Vanity Fair racconta la sua triste storia sperando di poter aiutare altre ragazze che si sono trovate nella sua stessa situazione. Anche nello stesso mondo del cinema il suo non è stato un caso isolato, molte altre si sono date al porno per sopperire ad altre difficoltà.

L'ex porno-star, nome di battesimo Ileana Caravati, ha fatto sognare con i suoi film negli anni '70/'80 molti telespettatori, ignari del suo passato burrascoso. Nel 1988 aveva tentato il suicidio per ben due volte. La sua salvezza sono state la riabilitazione e la famiglia, “giravo i porno per avere i soldi e comprarmi la droga - svela a Vanity Fair - Mi facevo di eroina, cocaina, tutto. Entravo e uscivo dalla clinica, finché i miei non mi riportarono a casa. Ma una volta tornata dai miei genitori, ancora mi drogavo e non riuscivo ad uscirne. Ad un certo momento ho capito che non potevo più andare avanti e mi sono buttata. E' stata la mia salvezza. Immobilizzata a letto ho iniziato ad uscire dalla dipendenza e dopo sono entrata in comunità”.

Adesso a 56 anni, uscita definitivamente dal tunnel, è pronta per girare un nuovo film. Ovviamente non hard. A breve tornerà sul set con il thriller “La fiaba di Dorian” di Luigi Pastore  e coglie l'occasione per lanciare un appello di speranza a chi si sente perso: “Non bisogna mollare mai. E se ve lo raccomando io, che le ho provate tutte, potete crederci”.

Pasotti: io, maestro di sci, vi racconto l'amicizia con Wojtyla

Un'amicizia lunga vent'anni cementata dall'amore per la montagna: la fiction di Rai1 "Non avere paura", diretta da Andrea Porporati, porta in tv l'intenso rapporto tra Papa Wojtyla, interpretato dall'attore russo Aleksei Guskov, e Lino Zani, scalatore e maestro di sci, che divenne il suo confidente, oltre che compagno di escursioni e di sciate, dalla prima visita del Pontefice sull'Adamello, nel 1981, alla morte di Wojtyla

Il player è in fase di caricamento: attendere in corso...
Lilli Carati
film
pornostar

Commenti