Non tutta la musica si ferma: "Così vanno avanti i live degli artisti italiani amati all'estero, da Cotugno ai Ricchi e Poveri"

A parlare è il produttore Danilo Mancuso, fondatore di DM Produzioni, società di management e discografia ed una delle più importanti realtà di booking di artisti italiani famosi nel mercato estero

I Ricchi e Poveri al 70esimo Festival di Sanremo

La musica è tra i settori più colpiti dall'emergenza coronavirus. I concerti sono stati i primi a chiudere le porte e saranno gli ultimi a ripartire, almeno finché le misure di distanziamento sociale resteranno necessarie. E' per questo che tanti cantanti - da Gianna Nannini a Niccolò Fabi - stanno rinviando al 2021, e qualcuno anche a data da destinarsi, i live previsti per quest'anno [Qui il calendario completo]. Eppure non è così per tutti. Gli artisti italiani che vanno molto forte all'estero non si fermano, e anzi hanno già confermato molti concerti del 2020. Lo conferma all'Adnkronos il produttore Danilo Mancuso, fondatore di DM Produzioni, società di management e discografia ed una delle più importanti realtà di booking di artisti italiani famosi nel mercato estero.

"Non tutta la musica si ferma – dichiara Mancuso, ideatore della recente ReuniOn dei Ricchi e Poveri e della loro partecipazione al 70° Festival di Sanremo- abbiamo la fortuna di lavorare con artisti che ci danno la possibilità di ripartire comunque con gli spettacoli live nel 2020, sempre che il livello dei contagi continui a decrescere".

Vasco Rossi: “Quando ho capito che i concerti sarebbero saltati mi è crollato il mondo addosso”

In particolare, spiega il produttore, il riferimento è agli artisti "famosi all’estero, che avranno l’opportunità di fare i loro concerti in sicurezza, in tutti quei paesi che fortunatamente hanno subito in minor misura gli effetti del Covid-19 ed hanno adottato misure meno restrittive". D.M. Produzioni rappresenta, tra gli altri, Toto Cutugno e I Ricchi e Poveri per i quali già alcuni Paesi dell’Est, il Kazakistan, l’Armenia, l’Azerbaigian, i Paesi Baltici, oltre ad alcuni stati europei tra i quali la Germania "attendono solo il nostro via libera, in ottemperanza alle prescrizioni italiane in tema di mobilità internazionale, per ufficializzare le esibizioni". 

In Italia, invece, "l’adozione della formula del teatro-canzone, della narrazione che tiene insieme la musica, la parola e l’immagine, con l’adozione di mirati accorgimenti ed un ridimensionamento di varia natura, rappresenta un’opportunità concreta per continuare a lavorare con gli artisti del nostro roster, come Roberto Vecchioni, Red Canzian (e non solo) che possono magistralmente realizzarla, intercettando un pubblico trasversale", è l'analisi del manager.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che sottolinea: "La pandemia ci ha obbligati, per molti aspetti, al ripensamento di schemi consolidati; in questo momento, anche nel settore della musica live, nel rispetto del quadro normativo e con senso di responsabilità, occorre raccogliere la sfida di questo periodo complesso, trasformare l’ostacolo in opportunità, non solo per gli artisti ma anche per tutte le professionalità coinvolte nella realizzazione dello spettacolo live, perché la musica è soprattutto emozione condivisa".

La musica guarda al futuro, ecco tutti i concerti rinviati e (già) in programma nel 2021

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Bonus auto da 4000 euro: arriva l'eco-sconto per salvare l'automotive

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 4 giugno 2020

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • A giugno ultima busta paga "light", poi arriva il bonus fino a 100 euro

Torna su
Today è in caricamento