Mina, gli 80 anni di un mito che ha lasciato al pubblico solo la sua voce

Mito della canzone italiana e artista apprezzata anche allʼestero, da 60 anni è lei il simbolo massimo della vocalità: un’icona indiscussa, nonostante non appaia in pubblico dallʼagosto del 1978

Mina posa per un servizio fotografico, nella bottega di un noto antiquario in via del Corso, Roma, 23 gennaio 1961 (ANSA)

Mina compie oggi 80 anni e il suo compleanno è un'occasione per gli italiani di lasciarsi andare all'affetto per un mito nazionale, icona della musica e del costume, presenza imprescindibile nella storia della tv italiana.

Mina Anna Maria Mazzini, soprannominata la “Tigre di Cremona”, ma nata a Busto Arsizio il 25 marzo del 1940, nel corso della sua carriera, iniziata alla fine degli anni ’50, ha interpretato più di 1.500 brani, incluse pietre miliari della canzone italiana come “Tintarella di Luna” e “Grande Grande Grande”. Un’artista moderna ed eclettica, con doti canore straordinarie che l’hanno portata a cantare in diverse lingue, tra cui l’inglese, il francese, lo spagnolo, il tedesco e il giapponese, interpretando generi che spaziano dalla canzone napoletana alla musica classica, dalle cover dei Beatles alle sperimentazioni nel jazz.

Non appare in pubblico dall’ultimo concerto dal vivo nell’agosto del 1978, ma questo ha unicamente contribuito ad alimentarne la leggenda. In una recente intervista il figlio Massimiliano Pani ha commentato così la scelta della madre di allontanarsi definitivamente dalle scene: “E’ sempre stata avanti. Ha capito delle cose prima degli altri, come gli artisti di talento. Ha capito che nella tv cambiava e ha detto ‘se non posso fare quello che stavamo facendo faccio altro’”.

Solo nel 2001 si è fatta riprendere eccezionalmente negli studi di registrazione della PDU, la sua etichetta discografica, a Lugano, concedendo al pubblico uno sguardo sul suo processo creativo. Un evento che ha mostrato la padronanza della cantante anche dei più moderni mezzi di comunicazione: un video in streaming che ha registrato un picco di circa 20 milioni di persone connesse, risultando uno dei più seguiti di tutti i tempi in Italia.

Sempre nel 2001, per i meriti artistici, Mina è stata insignita dell’onorificenza di Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana dall’allora presidente Carlo Azeglio Ciampi. Grazie agli oltre 150 milioni di dischi venduti in tutto il mondo è, a pari merito con l’amico di sempre Adriano Celentano, l’artista italiano dal maggior successo commerciale, e in assoluto l’artista femminile italiana con il maggior numero di vendite. Proprio “Mina Celentano”, con due milioni di copie, è il disco più venduto dalla cantante.

Ad oggi, con 79 album e 62 singoli, di cui 24 entrati al numero uno, è anche l’artista che detiene il record di presenze nelle classifiche italiane. Ha ricevuto riconoscimenti da alcuni dei più celebri musicisti internazionali, tra cui Frank Sinatra, che avrebbe voluto vederla esibirsi negli Stati Uniti, Michael Jackson e Louis Armstrong. Liza Minnelli l’ha definita ‘la più grande’, e ha confessato che se fosse andata ad un suo concerto, sarebbe entrata nel backstage per chiederle un autografo.

Mina (ri)compare dopo anni: sui social la foto davanti alla tv

mina -6-3

(Immagine d'archivio della cantante Mina ANSA)

Mina in tv

Icona non solo della musica ma anche della televisione, Mina è stata protagonista di alcuni dei programmi più celebri come “Canzonissima”, “Teatro 10”, “Senza Rete” e il “Musichiere, figurando in duetti passati alla storia con Giorgio Gaber, Ugo Tognazzi, Vittorio De Sica, Totò, Giancarlo Giannini e Lelio Luttazzi, per citarne alcuni. Memorabili lo sketch insieme ad Alberto Sordi a “Studio Uno” nel ‘66 e l’esibizione con Lucio Battisti a “Teatro 10” del 1972, da molti considerati gli otto minuti che hanno cambiato la musica italiana.

Se avesse voluto, Mina avrebbe potuto intraprendere anche una promettente carriera cinematografica. Federico Fellini le propose di recitare nel “Satyricon” e “Il viaggio di G. Mastorna”, ma lei non accettò e quest’ultimo non fu mai realizzato; Francis Ford Coppola l’avrebbe voluta come protagonista femminile per “Il Padrino”, nel ruolo che fu poi affidato a Diane Keaton.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mina icona moderna

Nonostante sia assente dalla scena pubblica da ormai quarant’anni, Mina ha continuato ad essere presente e ad influenzare generazioni di nuovi artisti, e non solo, grazie alla produzione, con cadenza più o meno annuale (dagli esordi nel 1958, il 2004 e il 2008 sono gli unici anni in cui Mina non ha pubblicato un nuovo brano) di album, best of, e collaborazioni, l’ultima quella con Ivano Fossati nel disco “Mina Fossati”, del novembre 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento