mercoledì, 24 settembre

Un poster senza titolo per "Django Unchained" di Tarantino

Il regista ha scelto la locandina realizzata da un giovane grafico italiano: sagome nere su sfondo rosso ma niente titolo

chiara cecchini 16 aprile 2012

Quando si dice che le immagini sono più forti delle parole.

Il nuovo teaser poster di "Django Unchained", l'atteso film di Quentin Tarantino in uscita negli Usa alla fine del 2012, si affida alla potenza della grafica e del colore: le sagome di due uomini in lontananza, ultimo anello di una grossa catena spezzata che pende sulle loro teste, il tutto su uno sfondo rosso sangue.

L'autore del poster è Federico Mancosu, un giovane grafico romano di origini sarde, amante dei B-movie, che è stato scelto dalla produzione del film dopo aver visto per caso un primo manifesto dedicato al film postato su Facebook.

"Django Unchained" rinverdisce i fasti del genere "spaghetti western", raccontando la storia di uno schiavo liberato (Jamie Foxx) che diventa un pericoloso e spietato cacciatore di taglie al seguito del tedesco Dr. King Schultz (Christoph Waltz), in lotta per liberare la moglie, rimasta schiava nella piantagione-lager di Calvin Candie (Leonardo di Caprio).

Il cast è da capogiro: ci anche Samuel L. Jackson, Christoph Waltz, Kurt Russell (che ha sostituito Kevin Costner in quello che avrebbe potuto essere il grande ritorno dell'attore di "Balla coi lupi"), Garrett Dillahunt, Walton Goggins, RZA, MC Gainey, Dennis Christopher, Gerald McRaney, Laura Cayouette, Don Johnson, Tom Savini e Sacha Baron Cohen.

I 20 anni di "Pulp Fiction", quando Tarantino divenne un cult

"E' uno scandalo, è uno scandalo" urlavano dalla platea di Cannes, ottenendo in risposta dal palco un più che eloquente dito medio

Il player è in fase di caricamento: attendere in corso...
Quentin Tarantino
cinema

Commenti