Gabriele Muccino, il video shock sulle violenze: “Questa è l’America da cui sono scappato”

“Ho vissuto in America 12 anni e la realtà è sconvolgente come il video che ho postato”, ha spiegato il regista romano in riferimento al video pubblicato sui social che mostra alcuni dei comportamenti violenti messi in atto dalle autorità americane

Gabriele Muccino (Instagram)

“Uno dei motivi per cui ho avuto un rifiuto forte per l'America e sono andato via è per la violenza tangibile che entra sottopelle. E' il tessuto della società americana che prima ti terrorizza e poi, per uno che ha una cultura europea, o ti schiaccia o ti mette in fuga”: a parlare è Gabriele Muccino che  nei giorni in cui il 'caso George Floyd' infiamma gli Stati Uniti, all'Adnkronos rilascia un commento che va ben oltre il caso dell'afroamericano morto durante l'arresto a Minneapolis lo scorso 25 maggio.

“Ho vissuto in America 12 anni e la realtà è sconvolgente come il video che ho postato”, racconta il regista romano in riferimento al video shock pubblicato sul suo account Instagram che raccoglie alcuni dei comportamenti violenti messi in atto dalle autorità americane contro persone e animali. “Io ho visto almeno una volta a settimana qualche nero ammanettato e perquisito dalla polizia senza aver fatto nulla”, prosegue Muccino: “La realtà razziale in America è un profondissimo disagio da sempre. Gli abusi della polizia sono noti. E la differenza di questi giorni è scaturita dal fatto che l’intera evoluzione dell’arresto di Floyd è stata tutta filmata perché, altrimenti, in qualunque altra circostanza avrebbero detto che il soggetto aveva fatto resistenza al pubblico ufficiale e quindi il caso sarebbe rientrato, come in altre decine di occasioni, in una sorta di buco nero e sarebbe scomparso. Ma di situazioni come quella verificatasi per Floyd ce ne sono tantissime, tanto che la pratica del ginocchio sul collo è una pratica che la polizia esercita normalmente”.

(Di seguito il video pubblicato su Instagram da Gabriele Muccino. Immagini sconsigliate a un pubblico sensibile)

Questa è purtroppo l’America che anche io ho conosciuto. E da cui un giorno sono scappato via. #repost @ambrebabzoe ・・・ #Repost @exceedthelimits ・・・ WARNING ⚠️ GRAPHIC IMAGES⚠️ Police have been using excess violence long before George Floyd’s case. These issues MUST BE TALKED ABOUT! Action needs to take place cause this will just continue to get worse and worse and I fear for the future of not only POC but humanity in general. PLEASE SHARE THESE! Tag people who are skeptical about the police brutality in the world. We need to educate others on these matters now more than ever. POC have been fighting for equal rights for YEARS and this is another fight we must forge on with, cause right now no POC Feels safe in America and that’s some bullshit. And for the people not using their platform to shed light on the matter SHAME ON YOU. Social media is so powerful and if we use it the right way more can be done about these situations! #georgefloyd #blacklivesmatter #icantbreathe #stoptheviolence source: @karmagawa

Un post condiviso da Gabriele Muccino (@gmuccino) in data:

Gabriele Muccino: “L’America è un paese violentissimo”

“In America ti arrestano per un nonnulla, perché non ti fermi allo stop e se sei nero non sai come va a finire”, racconta ancora Gabriele Muccino: “L’America è un paese violentissimo che vive sulla violenza, dove è molto tangibile la violenza degli uomini con gli uomini, un Paese che è nato sulla violenza contro i nativi. Non dobbiamo dimenticarci che qualunque afroamericano è discendente di una famiglia di schiavi o spesso porta nel cognome il nome di una piantagione. E da allora sono sempre stati tenuti in un regime di sottomissione. La media di reddito di una famiglia bianca americana è di 117mila dollari l’anno, mentre il reddito medio di una famiglia di colore è di 17 mila dollari l’anno. Sono dati reali".

Muccino prosegue rimarcando su una “diseguaglianza enorme che si è riflettuta anche nell’accesso alla sanità che non è pubblica, per cui i poveri che spesso sono neri per questi motivi, non si sono potuti curare dal coronavirus”, denuncia ancora il regista: “E il motivo per cui i morti americani sono così tanti è perché tre quarti erano di colore e non sono neanche potuti andare all’ospedale: la povertà è talmente estrema che non ha permesso loro di curarsi, non essendoci una sanità pubblica che, tra l’altro, Obama aveva introdotto e Trump ha subito tolto appena è diventato presidente". Un riferimento, poi, all’istruzione, ai “problemi enormi anche nell’accesso alle scuole e alla formazione” che – afferma – “crea povertà, crimine, pregiudizio e quindi una sorta di spirale mostruosa per cui il nero è un criminale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La realtà americana è contaminata da questo enorme pregiudizio da quando i neri erano schiavi e venivano impiccati negli Stati del Sud, cosa che - sottolinea Muccino - tra l’altro ancora in qualche modo succede. Come pochissimi giorni fa quando un nero faceva jogging e due bianchi gli hanno sparato. Questa è l’America. Il razzismo è talmente forte che molti neri vengono uccisi perché il razzista suprematista bianco, appena li vede nel proprio quartiere, spara. E se poi viene indagato dice che era stata svaligiata una casa…e se la cava così. E' una statistica altissima questa", conclude il regista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 30 giugno 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 4 luglio 2020

  • Alena Seredova: "Buffon mi ha fatto gli auguri per la nascita di Vivienne"

  • Mangiano e scappano senza pagare: ma la figuraccia di quattro amici è "epocale"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 2 luglio 2020

  • Rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: esplode focolaio di coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento