Alexandria Ocasio-Cortez, la pasionaria socialista è la più giovane mai eletta al Congresso Usa

Giovane candidata del Partito Democratico, orginaria del Bronx, è la più giovane rappresentante al Congresso nella storia degli Stati Uniti. Le sue parole d'ordine: donne, ambiente, difesa delle minoranze, sanità universale e giovani

A 29 anni, Alexandria Ocasio-Cortez è la più giovane eletta di sempre al Concresso americano alle elezioni di midterm. La sua "fama" è iniziata dopo le elezioni  dello scorso giugno, quando aveva battuto a sorpresa il candidato dell'establishment dem nelle primarie del Partito Democratico per il seggio alla Camera del 14esimo distretto di New York.

Di origini portoricane, nata nel Bronx. Socialista dichiarata e seguace di Bernie Sanders, dopo la laurea alla Boston University, Ocasio-Cortez è tornata a vivere nel suo quartiere a New York, impegnandosi come attivista ed educatrice e mantenendosi facendo la cameriera. Dopo l'exploit a giugno è diventata un "personaggio", studiata e analizzata dai commentatori politici e non solo come simbolo di una rinascita del Partito Democratico grazie a parole d'ordine quali donne, difesa delle minoranze, ambiente, sanità universale, aiuti ai giovani. "Sono cresciuta tra due mondi", ha raccontato lei in un'intervista al New Yorker dello scorso luglio (titolo emblematico: "La storica vittoria di Alexandria Ocasio-Cortez e il futuro del Partito Democratico"). I genitori hanno voluto farla studiare fuori dal quartiere e l'hanno mandata alla Yorktown High School, nel ricco sobborgo di Yorktown Hight, nella contea di Westchester, lei figlia di una modesta famiglia per metà portoricana in una scuola "wasp". Dopo la morte del padre e una serie di rovesci economici, Ocasio-Cortez non si è data per vinta e ha continuato a lavorare e a studiare.

Nel 2016 ha partecipato attivamente alla campagna elettorale di Bernie Sanders alle primarie democratiche, dandosi molto da fare e incontrando diversi esponenti delle comunità locali e dell'associazionismo. Qualche tempo dopo, la decisione di sfidare alle primarie dem del 14 collegio di New York il favorito e potente Joe Crowley, sconfitto poi con un divario di oltre 4mila voti, una campagna elettorale costata circa 10 volte in meno e basata per lo più su piccole donazioni individuali e proposte politiche decisamente "di sinistra". Anziché cercare di rosicchiare voti all'elettorato di Crowley, Ocasio-Cortez ha puntato sui cittadini che fino a quel momento non erano stati attirati alle urne, portando ai seggi nuovi elettori.  Crowley, politico navigato e sicuro di avere la vittoria in tasca, si era congratulato subito la vittoria con Ocasio-Cortez, dedicandole una cover di "Born to Run" di Bruce Springsteen. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Rifiuti, perché è sempre emergenza

  • Economia

    La sugar tax diventa sovranista: "Nessun aumento se lo zucchero è italiano"

  • Economia

    Quota 100, secondo Boeri i conti non tornano (nemmeno per il solo 2019)

  • Economia

    Chi è Luigi Gubitosi, il nuovo ad di Tim

I più letti della settimana

  • Va al tabacchi e gioca 2 euro: vincita "assurda" per il fortunato (ignoto)

  • Estrazioni di oggi di Lotto e SuperEnalotto: ecco i numeri vincenti

  • Ilary Blasi, shopping con la piccola Isabel senza trucco (né parrucca)

  • Pensioni, in arrivo un milione di buste arancioni: ecco cosa sono

  • "È in gravi condizioni": operato d'urgenza il noto cantante italiano

  • Gf Vip, Monte e Salemi al capolinea. Lui sbotta: "Faccia di cu*o, io con te metto un punto"

Torna su
Today è in caricamento