Amancio Ortega, il miliardario "eremita" che ha fondato l'impero Zara

Ritratto di Amancio Ortega, fondatore della catena spagnola di abbigliamento Zara. La più grande società del mondo della moda è nata in un piovoso e povero angolo del nord-ovest della Spagna

E' l'uomo più ricco di cui probabilmente avete mai sentito parlare. Amancio Ortega  fondatore della catena spagnola di abbigliamento Zara. Fa vita monacale, indossa sempre la stessa camicia, ma il suo impero, Zara, è arrivato a definire il concetto di fast fashion. E ora ha preso il posto di Warren Buffett al numero 3 della lista dei miliardari pubblicata da Forbes. La corsa alla ricchezza di Ortega rispecchia la rapida crescita dell'Europa meridionale negli ultimi 30 anni. Ma la differenza in questa storia è che Zara non mostra segni di crash.

GLI INIZI - Ortega ha costruito la più grande società del mondo della moda in un piovoso, povero angolo del nord-ovest della Spagna - la Galizia - dove il 76enne ha vissuto fin da quando era un ragazzino. Figlio di un ferroviere, Ortega andò a lavorare nella bottega di un produttore di camicie locale a 14 anni per sfamare la sua famiglia. Jose Martinez è stato il primo collega di Ortega. Ha 77 e lavora ancora in quel negozio stesso, che si chiama Gala. "Lui può anche essere il terzo uomo più ricco del mondo, ma per me, è solo un bravo ragazzo", dice Martinez. "E 'venuto a lavorare nel negozio di mio padre nel 1951, così siamo diventati amici, Amancio e io."

Più di 60 anni dopo, i dipendenti di Gala ancora cuciono camicie al piano di sopra del negozio. Questo è il modello che Ortega aveva in mente quando ha aperto il suo primo negozio Zara, a due isolati da Gala, nel 1975. Come la società cresceva, ha mantenuto la produzione vicino a casa - in Spagna e Portogallo - in un momento in cui altre catene si muovevano in massa verso le fabbriche in Asia per la manodopera a basso costo.

L'IMPERO ORTEGA - Ciminiere fuligginose spuntano qua e là nelle verdi colline galiziane intorno alla sede di Zara. All'interno, gli indumenti in ordine macchine per la spedizione ai negozi. Ogni singolo capo d'abbigliamento passa attraverso la Spagna. E più della metà della produzione viene effettuata localmente. Ciò consente a Zara di essere veloce: 15 giorni dalla progettazione alla vendita al dettaglio - dato incredibile se paragonato ai sei mesi standard delle industrie classiche.

"Guardano tutto ciò che è nuovo," dice l'esperto di moda Jose Luis Nueno. "Vedono ciò che le celebrità indossano, e lo mettono rapidamente in produzione." Nueno ha studiato la società di abbigliamento alla Business School di Harvard e ora insegna alla IESE Business School in Spagna. Dice che la chiave per la fast fashion - e per il successo di Zara - sta nel possesso di tutta la filiera, dalla fabbrica alla vendita al dettaglio, e nel commercio di piccoli lotti che vendono rapidamente. "Se cambio la merce molto spesso, allora io ti do una scusa per venire al negozio più spesso", dice Nueno.

Il professor Nueno ha chiesto ai suoi studenti quante volte frequentino il negozio di abbigliamento, e lui dice che le risposte sono state "assolutamente patologihe." A volte fanno acquisti una volta o due volte alla settimana, dice. E Zara attira i clienti i questo modo, con zero pubblicità. Invece ha investito pesantemente in punti vendita monomarca in edifici storici - un convento ristrutturato, un cinema art deco - e in un negozio da 324 milioni dollari a New York, sulla Fifth Avenue. Quest'anno Zara aprirà 500 nuovi punti vendita nel mondo

LA FORMULA SEGRETA -  Come Ortega, la sua società, Inditex, che gestisce Zara e sette altre marche, è notoriamente riservata. Ci sono voluti quasi due mesi per ottenere l'autorizzazione a visitare il suo ufficio, e Ortega ha rifiutato le richieste di intervista di NPR.  "Beh, la nostra filosofia è quella di lasciar parlare il cliente, se facciamo cose buone o cattive", dice Jesus Echevarria, portavoce di Inditex. "E non sta a noi dire se lavoriamo bene o male."

Allo store Zara a Madrid, i clienti fanno proprio questo. "Mi piace perché non è molto costoso", dice un cliente. Una ragazza dice che le piace la qualità dei vestiti, ma l'unico problema è la mancanza di taglie più grandi. Eppure Zara è famosa per la capacità di adattamento. Gli addetti alla vendita riferiscono al quartier generale tutti i giorni su quello che dicono i clienti. Per esempio, se in tanti chiedono ai commessi se c'è una giacca verde, una giacca verde potrebbe davvero arrivare sugli scaffali nel giro di poche settimane.

Tornando alla città natale di Ortega, il produttore di camicie, Jose Martinez, dice di non avere rimpianti per essere rimasto fermo e non aver seguito il suo amico in Zara quando l'azienda è decollata. "Non mi è mai importato iniziare un business più grande. Questo è il mio negozio, e tutto ciò che amo è proprio qui. Ce l'ho fatta!" Martinez dice.

Ortega passa di con una bottiglia di vino ogni Natale. Ortega adesso "vale" più di 56 miliardi dollari. E Inditex conta circa 6.000 negozi in 85 paesi. Un altro negozio sta probabilmente aprendo proprio oggi nel mondo. Fonte: NPR

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L'Istat: "C'è lavoro per chi studia medicina e ingegneria", ma un laureato su due è precario

    • Politica

      Renzi cancella il reddito di cittadinanza dei 5 stelle: "Il Ddl povertà affossa nostre proposte"

    • Citta

      Marino, caso scontrini: chiesti tre anni di carcere per l'ex sindaco di Roma

    • Politica

      Raggi perde ancora pezzi: si dimette il ragioniere generale Stefano Fermante

    I più letti della settimana

    • Usa, treno di pendolari si schianta in stazione: morti e feriti

    • Migranti, Merkel promette: "Germania accoglierà profughi con permesso di soggiorno da Italia e Grecia"

    • "Aereo della Malaysia Airlines abbattuto da missile russo", sale la tensione in Ucraina

    • Commando spara sulla folla in strada, colpita anche una bambina di 3 anni

    • Paura in Svezia, prima gli spari poi l'esplosione: quattro feriti a Malmo

    • Ungheria, lo "Stato di paura" nel cuore dell'Europa

    Torna su
    Today è in caricamento