Messico, arrestato il superboss del narcotraffico 'el Chapo' Guzman: "Missione compiuta"

Le autorità del Messico hanno ricatturato il latitante Joaquin "El Chapo" Guzman, re del narcotraffico. Sei mesi fa era scappato da un carcere di massima sicurezza dove era rinchiuso dal febbraio del 2014 grazie a un tunnel scavato da alcuni complici

Joaquín Guzmán Loera e Orso Ivan Gastelum Cruz, altro boss, dopo l’arresto

A sei mesi dalla sua rocambolesca evasione dal carcere, le autorità del Messico hanno ricatturato il latitante Joaquin "El Chapo" Guzman, re del narcotraffico in Messico. Lo ha annunciato il presidente messicano Enrique Pena Nieto. "Missione compiuta: lo abbiamo preso. Voglio informare i messicani che Joaquin Guzman Loera è stato arrestato", ha scritto Pena Nieto sul suo profilo ufficiale Twitter. Capo del Cartello di Sinaloa, uno dei più sanguinari del Paese, era scappato da un carcere di massima sicurezza dove era rinchiuso dal febbraio del 2014 grazie a un tunnel scavato da alcuni complici

I soldati messicani avevano effettuato estese battute negli stati nordoccidentali di Sinaloa e Durango per stanare il 58enne narcotrafficante, evaso lo scorso 11 luglio. La notizia del nuovo arresto è arrivata poco dopo che la marina ha segnalato che cinque sospetti sono stati uccisi in uno scontro con i soldati nella città di Los Mochis, nello stato di Sinaloa; non è chiaro se la vicenda sia collegata a Guzman. Lo scorso 11 luglio, diciassette mesi dopo la sua detenzione nel penitenziario di massima sicurezza di Altiplano, Guzman era evaso da un cunicolo nella doccia della sua cella, era salito in sella a una motocicletta montata su alcuni binari ed aveva percorso un chilometro e mezzo all'interno del tunnel.

Il boss tornerà nella prigione di massima sicurezza di Altiplano, quella dalla quale era riuscito ad evadere nel luglio scorso. Lo ha annunciato il procuratore generale messicano Arely Gomez. "Guzman Loera tornerà di nuovo ad Altiplano", ha indicato Gomez nel corso di una conferenza stampa dell'aeroporto di Città del Messico, prima di imbarcare Guzman su un elicottero dell'esercito. Il narcotrafficante è stato catturato in un hotel nei pressi di Los Mochis, località vicina alla costa nello stato di Sinaloa (nord-ovest del Messico), la sua regione natale.

Guarda anche

El Chapo estradato negli Usa: il boss dei narcos rischia la pena di morte

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

El Chapo, accusato di avere introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga e di avere alimentato la guerra fratricida tra i narcos in Messico, è già arrivato a New York, atterrando all'aeoroporto Long Island McArthur a Islip. E' perseguito penalmente in Texas e California per traffico di droga, omicidio e riciclaggio

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Mondo

      Barcellona, l'autista-killer in fuga e l'imam "cattivo maestro": cosa sappiamo finora

    • Mondo

      Marsiglia, auto a tutta velocità contro fermata autobus: un morto

    • Mondo

      Scontro tra nave da guerra Usa e petroliera: 10 marinai dispersi

    • Cronaca

      Sassuolo, uomo di 35 anni sgozzato in mezzo alla strada dopo una rissa

    I più letti della settimana

    • Terrore in Spagna, auto sulla folla a Cambrils: 1 morto e 7 feriti, la polizia uccide 5 terroristi

    • Attentato a Barcellona: è strage sulla Rambla

    • "L'Italia paese ostile", nell'Est Libia non siamo più ospiti graditi

    • Migranti, dopo il blocco delle Ong boom di arrivi in Spagna: "È la nuova rotta"

    • Germania, due adolescenti accoltellano un iracheno: non è terrorismo

    • Finlandia, persone accoltellate in strada a Turku: due morti

    Torna su
    Today è in caricamento