menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

I "kamikaze riders" volevano colpire a Capodanno: due arresti

I sospettati avevano pianificato attacchi contro diversi "obiettivi emblematici" a Bruxelles, da mettere a segno durante le festività di fine anno. Ecco chi sono le due persone arrestate ieri in Belgio

Sono due membri del gruppo "Kamikaze Riders" le due persone arrestate al termine di due giorni di perquisizioni nelle regioni di Bruxelles e Liegi, francofone, e nel Brabant fiammingo.

Si tratta del fondatore del movimento, il predicatore salafita Said Souati, 30 anni, e di Mohamed K, 27, un tecnico automobilistico. Secondo quanto riferisce Dernière Heure, gli arresti sono scattati dopo che una fonte della polizia ha ricevuto informazioni su un progetto di attentato a Bruxelles per Capodanno.

Gli agenti dell'antiterrorismo hanno esaminato cellulare e computer di Mohamed, appurando che l'uomo era solito consultare siti jihadisti. Souati già nel 2013 era stato citato nel dossier Sharia4Belgium ed era considerato come estremista radicale e predicatore salafita. L'uomo è conosciuto anche con i soprannomi di Said Kamikaze, Kawaz Kr e Said Delta Box III. Souati è accusato di "partecipazione ad attività di un gruppo terroristico in qualità di dirigente e di reclutatore nell'ottica di commettere reati terroristici", mentre Mohamed K. è indicato come "autore o coautore di attività terroristiche" nel mandato d'arresto.

I Kamikaze Riders nella regione di Bruxelles sono noti per le loro scorribande in strada a tutta velocità, ma anche per il sostegno di molti dei loro membri alla causa jihadista. I sospettati, secondo la rete televisiva Rtbf, avevano pianificato degli attacchi contro diversi "obiettivi emblematici" della capitale belga, da mettere a segno durante le festività di fine anno.

Secondo indiscrezioni della stampa belga, l'obiettivo principale era il commissariato generale, che si trova a due passi dalla Grand Place di Bruxelles: l'informazione non è stata confermata, ma il livello di allerta è stato innalzato per i commissariati e per i militari in pattuglia sulle strade da due a tre. E così resterà per tutta la settimana prossima.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • fossi nei belgi ora a stì kamicaze riders je farei passà la voja de ride...

Più letti della settimana

  • Gossip

    Lutto per Mara Venier, è morto l'ex marito

  • Cronaca

    Attenti alla pianta velenosa: "Si trova anche nei parchi italiani"

  • Citta

    Palermo, incidente in moto: morto l'operatore Rai che riprese la strage di Capaci

  • Gossip

    Diego Dalla Palma: "Una famosa conduttrice Rai rovinata dal botulino"

Torna su