homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

I "kamikaze riders" volevano colpire a Capodanno: due arresti

I sospettati avevano pianificato attacchi contro diversi "obiettivi emblematici" a Bruxelles, da mettere a segno durante le festività di fine anno. Ecco chi sono le due persone arrestate ieri in Belgio

Sono due membri del gruppo "Kamikaze Riders" le due persone arrestate al termine di due giorni di perquisizioni nelle regioni di Bruxelles e Liegi, francofone, e nel Brabant fiammingo.

Si tratta del fondatore del movimento, il predicatore salafita Said Souati, 30 anni, e di Mohamed K, 27, un tecnico automobilistico. Secondo quanto riferisce Dernière Heure, gli arresti sono scattati dopo che una fonte della polizia ha ricevuto informazioni su un progetto di attentato a Bruxelles per Capodanno.

Gli agenti dell'antiterrorismo hanno esaminato cellulare e computer di Mohamed, appurando che l'uomo era solito consultare siti jihadisti. Souati già nel 2013 era stato citato nel dossier Sharia4Belgium ed era considerato come estremista radicale e predicatore salafita. L'uomo è conosciuto anche con i soprannomi di Said Kamikaze, Kawaz Kr e Said Delta Box III. Souati è accusato di "partecipazione ad attività di un gruppo terroristico in qualità di dirigente e di reclutatore nell'ottica di commettere reati terroristici", mentre Mohamed K. è indicato come "autore o coautore di attività terroristiche" nel mandato d'arresto.

I Kamikaze Riders nella regione di Bruxelles sono noti per le loro scorribande in strada a tutta velocità, ma anche per il sostegno di molti dei loro membri alla causa jihadista. I sospettati, secondo la rete televisiva Rtbf, avevano pianificato degli attacchi contro diversi "obiettivi emblematici" della capitale belga, da mettere a segno durante le festività di fine anno.

Secondo indiscrezioni della stampa belga, l'obiettivo principale era il commissariato generale, che si trova a due passi dalla Grand Place di Bruxelles: l'informazione non è stata confermata, ma il livello di allerta è stato innalzato per i commissariati e per i militari in pattuglia sulle strade da due a tre. E così resterà per tutta la settimana prossima.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • fossi nei belgi ora a stì kamicaze riders je farei passà la voja de ride...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Terremoto, Grillo rompe la tregua: "Dal governo solo pannicelli caldi"

  • Cronaca

    Ricostruzione, Renzi avverte l'Europa: "Quel che serve lo prendiamo"

  • Cronaca

    Terremoto Norcia: video esclusivo di una casa distrutta dal sisma

  • Video

    La casa di legno di sette piani che resiste ad una scossa 7.2

I più letti della settimana

  • Isis, almeno 72 fosse comuni con migliaia di corpi tra Siria e Iraq

  • Stuprava e uccideva le donne vestite di rosso: arrestato

  • Attacco all'Università americana di Kabul: almeno nove morti

  • Glasgow, arrestati due piloti della United Airlines: "Ubriachi prima del decollo"

  • Vietnam, donna si fa amputare mano e piede per riscuotere l'assicurazione

  • "C'è un uomo armato in aeroporto, scappate": falso allarme terrorismo a Los Angeles

Torna su
Today è in caricamento