Burkina Faso, assalto all'hotel degli occidentali: è strage

Le forze di sicurezza hanno condotto un blitz per liberare un centinaio di ostaggi. Le vittime sono 23 persone, di varia nazionalità. L'attentato è stato rivendicato da Al Qaeda

Foto da Askanews

Le forze di sicurezza del Burkina Faso hanno dichiarato conclusa l'operazione per neutralizzare il gruppo terroristico affiliato ad Al Qaida che ieri sera aveva attaccato un albergo e un ristorante della capitale del Burkina Faso, prendendo degli ostaggi. Al blitz, durato diverse ore, hanno preso parte unità speciali dell'esercito francese. Continuano invece le operazioni di perlustrazione del quartiere, nel centro di Ouagadougou, alla ricerca di eventuali altri terroristi in fuga.

IL BILANCIO DELLE VITTIME - Gli attacchi si sono conclusi con la morte di 23 persone, di 18 nazionalità diverse. 126 gli ostaggi liberati, di cui 33 sono feriti. Il gruppo era composto da almeno 5 jihadisti, quattro sono stati uccisi, fra questi due donne. Tre le persone illese il ministro del Lavoro, Clément Sawadogo, che si trovava nell'albergo al momento dell'assalto.

Al Qaeda nel Maghreb (Aqmi) ha rivendicato l'attacco, precisando che è stato condotto dal gruppo jihadista Al-Mourabitoune, specializzato in irruzioni in locali turistici e in prese di ostaggi. Alla guida vi è l'algerino Mokhtar Belmokhtar, uno dei leadar jihadisti più temuti del Sahel, dato per morto a più riprese, anche nel giugno scorso. E' sempre lui che ha organizzato l'attacco contro l'hotel Radisson Blu di Bamako, capitale del Mali, nel quale sono stati uccise 21 persone. Il gruppo jihadista ha rivendicato quest'ultimo attacco con una registrazione audio diffusa dalla rete televisiva qatariota Al-Jazeera. 

L’unità di crisi della Farnesina raccomanda di evitare la zona e, in caso di necessità, contattare l’Ambasciata d’Italia in Costa d’Avorio.