Beirut, attentato dell'Isis: è strage nel quartiere sciita

L'attacco nella capitale libanese, nel quartiere roccaforte del movimento sciita di Hezbollah, rivendicato dall'Isis: è l'attentato più sanguinoso dalla fine della guerra civile

LIBANO - L'attentato di ieri sera rivendicato dall'Isis in un quartiere della capitale libanese Beirut, roccaforte del movimento sciita di Hezbollah, ha ucciso 43 persone ferendone 239, secondo l'ultimo bilancio della Croce rossa libanese.

Si tratta dell'attentato più sanguinoso commesso dai jihadisti sunniti dell'Isis in Libano, il più grave dalla fine della guerra civile del 1975-1990. Il primo attacco rivendicato dell'Isis contro una sede di Hezbollah aveva ucciso quattro persone a gennaio 2014. Oggi le famiglie seppelliscono i loro morti e il governo ha dichiarato una giornata di lutto nazionale, con la chiusura delle scuole.

L'attacco ha avuto luogo in una strada commerciale affollata nel quartiere di Bourj al-Barajne, nella periferia su di Beirut. Secondo l'esercito due uomini hanno fatto detonare in successione le loro cinture esplosive e un terzo "terrorista", che non è riscito a farsi saltare in aria, è stato trovato morto. 

--> IL VIDEO DELL'ATTENTATO A BEIRUT <--

"Soldati del califfato sono riusciti a far esplodere una motocicletta carica di esplosivo parcheggiata contro un raduno di 'rafida'", termine dispregiativo con cui vengono designati gli sciiti, e "dopo che gli apostati sono accorsi sul luogo, uno dei cavalieri del martirio ha fatto detonare la sua cintura esplosiva in mezzo al gruppo" ha affermato lo Stato islamico. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • andate a cagar terroristi, c'avete un cachì per cervello

Notizie di oggi

  • Politica

    Ultimatum dell'Unione europea all'Italia: "Serve manovra da 3,4 miliardi"

  • Economia

    L'Italia è in deflazione: non accadeva dal 1959

  • Economia

    Luxottica, sì ai francesi di Essilor: una fusione da 50 miliardi

  • Economia

    Ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri: "È un'Italia a due velocità"

I più letti della settimana

  • Libia, la situazione precipita: "Si prepara una nuova guerra civile"

  • Aereo cargo si schianta sulle case, decine di morti

  • Turchia, spari alla stazione di polizia: ucciso il sospetto attentatore

  • Libia, solo Roma è rimasta con Serraj: caos e milizie in rivolta contro l'Italia

  • Libia: "Islamisti hanno preso il controllo di tre ministeri". Ambasciatore italiano smentisce

  • Baghdad, bomba al mercato del pesce: almeno un morto e sei feriti

Torna su
Today è in caricamento